Dolore al fegato: perché si verificano e cosa fare per eliminarli?

Le malattie del fegato sono chiamate "la seconda epidemia del nostro secolo". Varie patologie di questo organo occupano uno dei primi posti in termini di prevalenza e tra le cause più comuni di morte - il quinto posto. Ecco perché, quando compare il dolore nell'area del fegato, è necessario prestare particolare attenzione a loro, perché questa ghiandola si fa sentire solo nei casi più gravi..

La distruzione delle cellule del fegato (epatociti) spesso inizia con l'infiammazione. Nella lotta contro di esso, aiutano i farmaci a base di acido glicirrizico (HA) e fosfolipidi essenziali (EF). Ci sono controindicazioni. Devi consultare uno specialista.

"Phosphogliv" è uno dei moderni farmaci combinati per il ripristino del fegato:

  • composizione ottimale dei principi attivi;
  • un'ampia gamma di effetti terapeutici;
  • profilo di sicurezza favorevole;
  • Erogazione di farmaci da banco dalle farmacie.
Ci sono controindicazioni. Devi consultare uno specialista.

Perché il fegato "fa male"

Il fegato è la ghiandola più grande del corpo umano e ha oltre 70 funzioni. Si trova nell'ipocondrio destro sotto il diaframma. L'unità strutturale e funzionale del fegato è il cosiddetto lobulo epatico, un esagono nel mezzo del quale passa la vena centrale. Dal centro alla periferia, le placche epatiche divergono, costituite da epatociti - cellule epatiche. I capillari del sangue e della bile passano attraverso ogni lobulo.

Il peso approssimativo del fegato è di 1,5 kg, la dimensione è di 26-30 cm da destra a sinistra, dalla parte anteriore a quella posteriore - fino a 22 cm L'organo si trova in una capsula speciale, che è un guscio a due strati. Il primo strato è sieroso, il secondo è fibroso. La capsula fibrosa penetra nell'organo, formando una cornice, nelle cui cellule sono presenti lobuli epatici.

Quando si parla di "dolore" al fegato, si deve capire che questo organo stesso non può ferire a causa dell'assenza di terminazioni nervose, i cosiddetti punti di dolore. Il dolore o il fastidio si manifestano quando la ghiandola viene ingrandita e la capsula viene allungata. Se il fegato "fa male", significa che è notevolmente ingrandito e dovresti consultare un medico il prima possibile. La maggior parte dei russi non è incline a prendere sul serio il "dolore" al fegato, il che è un grosso errore. Questo organo svolge un ruolo estremamente importante in molti processi metabolici del corpo e la morte delle cellule epatiche porta invariabilmente a conseguenze e malattie molto gravi. Nonostante il fatto che il fegato abbia un'elevatissima capacità di rigenerarsi, un processo patologico cronico a un certo punto diventa irreversibile e quindi incurabile. Pertanto, la prevenzione delle malattie di questo organo è estremamente importante..

Quindi, elenchiamo le principali funzioni del fegato:

  • Neutralizzazione e rimozione delle sostanze tossiche formatesi nel corpo e intrappolate dall'esterno.
  • Sintesi di varie sostanze biologicamente attive.
  • Produzione di glucosio, sintesi di alcuni ormoni ed enzimi.
  • Accumulo e stoccaggio "in riserva" di varie sostanze: glicogeno, vitamine, cationi metallici.
  • Deposizione di sangue: il fegato può contenere fino a 400 grammi di sangue "di riserva".
  • Partecipazione al metabolismo di proteine ​​e lipidi (grassi), sintesi di colesterolo, acidi biliari e pigmento biliare della bilirubina.

Il metabolismo dei lipidi è il processo di scissione, trasporto e metabolizzazione dei lipidi, costituito da alcoli e acidi grassi. I lipidi complessi - fosfolipidi - sono composti da acidi grassi superiori e un residuo di acido fosforico. Il principio attivo dominante dei fosfolipidi è la fosfatidilcolina, che è coinvolta nella protezione delle membrane cellulari.

Sintomi e cause della malattia del fegato

Quindi, se il tuo fegato "fa male", dovresti prestare attenzione alla presenza di altri sintomi che indicano la patologia di questo organo. Nelle fasi iniziali della malattia, non si manifestano in alcun modo e per lungo tempo possono essere completamente assenti. In alcuni casi, ci sono segni non specifici caratteristici di una varietà di processi patologici nel corpo. Ad esempio, un paziente può provare una sensazione generale di debolezza, aumento della fatica. Si verificano disturbi del sonno, apatia e depressione e aumenta l'irritabilità. Ciò è dovuto ad un aumento del livello di intossicazione del corpo: il fegato cessa di svolgere pienamente la sua funzione di "filtro universale", a causa del quale tutti gli organi e il sistema nervoso soffrono senza eccezioni..

Inoltre, può verificarsi temperatura subfebrile (37-38 gradi) con condizioni febbrili periodiche, dolori muscolari articolari, prurito cutaneo, alterazioni del gusto, diminuzione dell'appetito, lieve nausea, scarsa tolleranza ai cibi grassi, disturbi delle feci, mal di testa e vertigini, sensazione pesantezza e fastidio all'addome. Nelle fasi successive possono comparire dolori lancinanti e sordi nell'area del fegato, ingiallimento della pelle e del bianco degli occhi (ittero), un cambiamento significativo del peso corporeo (improvvisa perdita di peso o aumento di peso) ed eruzioni cutanee. Il colesterolo alto e le feci grasse possono indicare una violazione del metabolismo dei lipidi..

Una condizione patologica estremamente grave del fegato è indicata da sintomi quali ingrossamento della milza, vene varicose dell'esofago e dello stomaco, ascite (accumulo di liquido nella cavità addominale), encefalopatia epatica, perdita di capelli.

Tra le cause più comuni di dolore al fegato ci sono le seguenti:

  • Intossicazione cronica causata da alcol, droghe o avvelenamento chimico (origine vegetale, animale o tecnologica).
  • Infezioni virali, batteriche e parassitarie.
  • Processi tumorali.
  • Malattie dell'apparato digerente, malattie autoimmuni, patologie genetiche.

Secondo l'OMS, circa il 40% dei russi è a rischio di danni al fegato da alcol, il 27% ha una steatosi epatica non alcolica. Circa 5.000.000 dei nostri compatrioti sono malati di epatite cronica C. In diversi paesi, la cirrosi alcolica rappresenta dal 20 al 95% di tutte le malattie del fegato, le infezioni virali (epatite) - dal 10 al 40%. In totale, circa 170 milioni di persone nel mondo soffrono di epatite C, il doppio - epatite B..

Cosa fare se il fegato "fa male"?

Se il dolore si verifica nell'area del fegato, consultare immediatamente un epatologo o un gastroenterologo. Dopo un esame fisico e un'anamnesi, lo specialista può indirizzarti a esami clinici, biochimici e sierologici di sangue, feci e urine, nonché prescrivere un'ecografia del fegato e delle vie biliari. Sarà necessario escludere o confermare la presenza di epatite virale o meccanica, degenerazione grassa del fegato, altri disturbi funzionali del fegato e della cistifellea.

L'osservazione costante da parte di un gastroenterologo ed epatologo è necessaria per tutte le persone che consumano regolarmente alcol, sono obese e hanno il diabete..

Farmaci

Indipendentemente dalle cause del dolore al fegato, i medici prescrivono spesso i cosiddetti farmaci epatoprotettivi volti a ripristinare la funzionalità epatica e proteggere dai danni agli epatociti - cellule del fegato. Al momento, in Russia sono registrati circa 700 farmaci di questa categoria. Tutti gli epatoprotettori sono costituiti da varie combinazioni di principi attivi di 16 gruppi. Considera i principali principi attivi degli epatoprotettori:

  • I fosfolipidi sono i mattoni delle membrane cellulari, partecipano alla "dissoluzione" del colesterolo "nocivo", forniscono all'organismo acido fosforico. Pertanto, i farmaci a base di fosfolipidi ripristinano la struttura delle cellule epatiche, prevengono la formazione di tessuto connettivo (fibrosi), aiutano a normalizzare il metabolismo delle proteine ​​e dei lipidi..
  • L'acido glicirrizico è una sostanza naturale che si trova nella radice di liquirizia. Questo componente ha effetti antifibrotici, antinfiammatori e antiossidanti. L'efficacia dell'acido glicirrizico è stata dimostrata in 54 studi clinici condotti su diverse categorie di pazienti, inclusi pazienti con epatopatia non alcolica e alcolica. A seguito di studi, il profilo di sicurezza dell'acido glicirrizico è stato valutato come favorevole, il che ha permesso di includerlo nelle raccomandazioni dell'Asia-Pacific Association for the Study of the Liver (APASL). I farmaci che combinano fosfolipidi e acido glicirrizico hanno un doppio effetto positivo sulla funzionalità epatica.
  • Gruppi separati di farmaci sono epatoprotettori a base di amminoacidi: metionina, ademetionina e ornitina, nonché vitamine del gruppo B, C, E e acido lipoico. L'acido lipoico, o tiottico, è una sostanza simile alla vitamina con proprietà antiossidanti simili all'azione delle vitamine del gruppo B. Questi tipi di epatoprotettori aiutano a ridurre la concentrazione di glucosio nel sangue, aumentare il glicogeno nel fegato, regolare il metabolismo dei lipidi e dei carboidrati, migliorare la funzione epatica e ridurre l'effetto distruttivo tossine sugli epatociti.

Dieta

Per il dolore al fegato di qualsiasi eziologia, viene prescritta la cosiddetta dieta n. 5 (o più rigorosa - n. 5a), il cui scopo è ridurre il carico su questo organo. Si consiglia di mangiare regolarmente in piccole porzioni 5-6 volte al giorno, la dieta deve essere completa ed equilibrata. Bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno. Bevande gassate zuccherate, tè e caffè forti dovrebbero essere esclusi. È necessario limitare l'uso di qualsiasi alimento contenente conservanti e altri additivi chimici nocivi. È necessario rinunciare a fritto, salato, in salamoia, affumicato. Il cibo dovrebbe essere bollito, cotto a vapore o nel forno. I grassi di origine animale (carne grassa e brodi) e i grassi per dolciumi (in particolare la margarina) dovrebbero essere esclusi dalla dieta. I latticini grassi (oltre il 6% di grassi), il cioccolato, il gelato e i dolciumi sono vietati. Si sconsiglia inoltre di consumare i seguenti tipi di verdure: legumi, ravanelli, spinaci, ravanelli, acetosa, aglio, cipolla, nonché frutta acida e bacche.

Fitoterapia

La medicina tradizionale e l'erboristeria offrono molti mezzi per la cosiddetta "pulizia" del fegato e il ripristino delle sue funzioni. Tra i rimedi più famosi ci sono l'infuso di cardo mariano, cicoria, celidonia o calendula. Queste piante medicinali sono vendute in farmacia senza prescrizione medica. Tuttavia, questo non significa che siano assolutamente sicuri e avranno un effetto estremamente positivo sul corpo. Questi fondi possono essere utilizzati solo dopo aver consultato un medico, specialmente in caso di gravi danni al fegato. La fitoterapia è più una prevenzione che un trattamento e non sostituisce in alcun modo le misure mediche e, se usata in modo scorretto, può avere un effetto negativo non solo sul fegato, ma anche su altri organi..

Stile di vita

Per il dolore al fegato, un cambiamento nello stile di vita è un prerequisito. In particolare, è necessario rinunciare a qualsiasi cattiva abitudine: fumare, bere alcolici, fast food, prodotti semilavorati. In presenza di fattori ambientali sfavorevoli, si raccomandano frequenti attività ricreative all'aperto, cure sanitarie, rifiuto di lavorare in industrie pericolose e attività fisica moderata. È particolarmente importante aderire alla corretta routine quotidiana: il sonno profondo è la migliore medicina. L'auto-formazione e la meditazione non saranno superflue, poiché lo stress e il sovraccarico emotivo creano una seria minaccia per il fegato.

Come si può vedere dalla nostra recensione, la moderna terapia farmacologica si basa spesso su sostanze naturali: vitamine, aminoacidi, acidi glicirrizici e lipoici, ecc. Tuttavia, possono essere utilizzati se offerti dalla medicina convenzionale, che si basa sempre su metodi basati sull'evidenza e non offre farmaci non testati come agenti terapeutici. Lo stesso si può dire delle diete: esiste solo una serie di leggi per una corretta alimentazione: questa è la dieta numero 5 scientificamente fondata, progettata per le persone con funzionalità epatica compromessa. Nessun'altra dieta capricciosa, come il consiglio della "nonna", preso ciecamente da Internet, può essere applicato!

Come "rafforzare" il fegato?

Come già accennato, esistono molti epaprotettori per la prevenzione e il trattamento delle malattie del fegato, ma va ricordato che pochi di loro hanno attraversato un ciclo completo di studi clinici. Alcuni dei farmaci sono anche venduti a prezzi irragionevolmente alti. Dagli ultimi sviluppi degli scienziati russi, si può distinguere un complesso unico di fosfolipidi e acido glicirrizico. Questa combinazione è stata testata in pazienti con epatopatia alcolica, steatosi epatica non alcolica e malattia epatica indotta da farmaci. In tutti gli studi effettuati si sono ottenuti risultati positivi: sono stati dimostrati gli effetti antinfiammatori e antifibrotici dell'acido glicirrizico. La combinazione di queste sostanze è inclusa negli standard per il trattamento delle malattie del fegato approvati dal Ministero della Salute della Federazione Russa, nonché nell'elenco dei medicinali vitali ed essenziali (medicinali vitali ed essenziali).

  • Una preparazione combinata a base di fosfolipidi e acido glicirrizico è al primo posto nelle prescrizioni dei terapisti per i farmaci ATX - classe A05B "Farmaci per il trattamento delle malattie del fegato" (secondo uno studio di Synovate Comcon LLC a novembre 2014).
  • L'efficacia clinica e il profilo di sicurezza favorevole dell'acido glicirrizico sono stati ripetutamente confermati (54 studi clinici), questa sostanza ha una vasta gamma di indicazioni per l'uso.

La combinazione di acido glicirrizico e fosfatidilcolina (il componente principale dei fosfolipidi essenziali) ha un effetto protettivo e rigenerativo sulle cellule del fegato - epatociti, rafforzandone le pareti e rendendo elastiche le membrane intercellulari.

Il fegato è un organo molto resistente e si degrada lentamente. Pertanto, dovrebbe essere chiaro che qualsiasi terapia farmacologica per malattie del fegato volta a ripristinare le funzioni di questa ghiandola non è una questione momentanea, è richiesto un corso di più mesi, combinato con una dieta rigorosa e cambiamenti dello stile di vita.

Perché il fegato fa male e come ripristinare questo organo

Il fegato è uno degli organi più importanti del nostro corpo. Senza di esso, il nostro corpo non è in grado di rimuovere le sostanze nocive e il fegato partecipa anche alla digestione del cibo e alla sintesi di sostanze vitali. La disfunzione epatica è un problema comune. In questo articolo scopriremo come non perdere i sintomi pericolosi e come trattare questo organo..

Non ignorare il fegato

Se sei regolarmente infastidito da tiri, dolori spasmodici e disagio al fegato, dovresti contattare immediatamente un epatologo, un gastroenterologo o almeno un terapista. Di per sé, il fegato non può ferire, non ha recettori del dolore. Ma se la malattia è andata lontano, il fegato si gonfia, aumenta e preme sulle pareti del guscio circostante, in cui ci sono già terminazioni nervose: è così che sorge una sensazione di pesantezza o dolore.

Quali altri sintomi di malattia del fegato ci sono?

Se parliamo di dolore, questo è già un segno serio, ma il fegato non segnala sempre problemi con dolore. A volte il disagio si verifica in luoghi completamente diversi: ad esempio, il dolore riduce la parte anteriore dell'addome, la regione lombare e talvolta anche alla spalla.

E a volte potresti non sentire niente di spiacevole. Ma ci sono segni con cui si può capire che non tutto è in ordine con la salute. Se ne senti diversi contemporaneamente, consulta un medico il prima possibile. Quindi, rapida stanchezza, affaticamento, perdita di peso, nausea, vertigini, un sapore amaro in bocca, gonfiore delle caviglie, gonfiore costante, prurito di origine sconosciuta - tutto questo è un motivo per controllare il fegato. Successivamente, elenchiamo le principali malattie di questo organo..

Epatite virale

Questa malattia è causata da epatovirus - A, B, C o D. Il più innocuo di essi è il virus di tipo A, chiamato anche ittero o malattia di Botkin. Come altre infezioni intestinali, si diffonde attraverso cibo o acqua sporchi. Esistono vaccinazioni per questo virus ei sintomi sono molto caratteristici, quindi la malattia è facile da identificare. Ma i virus B, C e il più raro D sono molto più gravi. Sono trasmessi con sangue o sperma. È impossibile vaccinarsi contro di loro ei sintomi sono impliciti, possono essere confusi con

solito malessere. La cosa peggiore è che nella maggior parte dei casi queste patologie diventano croniche, il che minaccia di cirrosi, insufficienza epatica o addirittura cancro al fegato..

Epatite alcolica

Questa è anche un'infiammazione del fegato, ma non è un virus che la provoca, ma l'alcol. L'abuso di alcol distrugge il fegato e alla fine può portare alla cirrosi. E con la cirrosi, il fegato generalmente cessa di svolgere le sue funzioni, poiché il suo tessuto viene sostituito da tessuto cicatriziale.

Malattia del fegato grasso

Sì, il grasso in eccesso può essere immagazzinato anche sul fegato, come in vita. Il tessuto adiposo si accumula nelle cellule del fegato, la dimensione dell'organo aumenta e questo gli impedisce di svolgere le sue funzioni.

Ascesso epatico

Un ascesso forma una cavità nel fegato che contiene fluido o pus infetto. Le infezioni batteriche, fungine o parassitarie possono causare un ascesso. Di norma, questa malattia è accompagnata da febbre, grave disagio al fegato..

Cancro al fegato

Il cancro al fegato è uno dei tipi di cancro più insidiosi. Il tumore spesso non si manifesta per molto tempo fino a quando la malattia non progredisce a fasi avanzate. L'oncologia spesso diventa una conseguenza dell'epatite cronica o della cirrosi. Ecco perché le condizioni del fegato devono essere monitorate, anche se non ti danno molto fastidio..

Basato sui materiali del canale Zen "Lifehacker"

Un fegato malato non fa male, ma tutto il resto fa male

Il fegato non fa male. Nessuno. Non ci sono terminazioni nervose in esso. Quindi “soffre e tace” anche quando crolla. Pertanto, i sintomi della malattia del fegato compaiono in ritardo.

Come riconoscere la malattia e cosa fare per mantenere il fegato sano, ha capito "Informare la Polizia" insieme al capo del dipartimento di organizzazione e coordinamento del lavoro preventivo del Centro repubblicano per la prevenzione medica Lygzhima Bulygina.

Il fegato è il nostro filtro principale. Nessuno degli organi è lasciato senza la partecipazione e l'attenzione del fegato. Immagina: in 1 minuto, 1500 ml di sangue scorre attraverso di esso.

Una delle principali funzioni del fegato è eliminare le tossine. Il fegato svolge un ruolo importante nel metabolismo di carboidrati, grassi, proteine, acqua, minerali, pigmenti, vitamine e ormonali.

Le sostanze utili che entrano nel flusso sanguigno dal sistema digestivo vengono inviate al fegato, dove vengono parzialmente scomposte e parzialmente sintetizzate in nuovi elementi.

Con il sovraccarico fisico e mentale, quando il corpo spende strenuamente energia, il glicogeno, che viene immagazzinato nel fegato, viene convertito in glucosio. Il fegato produce la bile, che aiuta l'assorbimento dei grassi. La sintesi del colesterolo, che è parte integrante del tessuto cerebrale, così come delle proteine ​​responsabili della coagulazione del sangue, è anche una preoccupazione del fegato. Grazie ad esso, il corpo mantiene un livello costante di zucchero nel sangue. Il fegato è anche responsabile della produzione di calore: ha la temperatura più alta - 40 gradi.

Solo l'8% delle persone mostra i primi segni di disfunzione epatica nel tempo. Quando il fegato non riesce a disintossicarsi, le tossine si accumulano e circolano nel corpo, influenzando negativamente tutti i suoi sistemi, in particolare le cellule cerebrali.

Pertanto, i primi segnali di problemi al fegato potrebbero non essere affatto sensazioni dolorose nella parte destra, ma ridotta attenzione, rallentamento delle reazioni motorie, coordinazione e pensiero.

Un fegato malato è la ragione:

- problemi di vista,

- problemi di pelle e aspetto,

- problemi con la salute maschile (il sangue tossico avvelena tutte le cellule del corpo di un uomo, comprese le cellule testicolari particolarmente sensibili (cellule di Leydig), responsabili della produzione del principale ormone sessuale maschile, il testosterone),

- problemi con la salute delle donne (con un fegato malato, milioni di cellule del sistema riproduttivo femminile - ovaie, ghiandola pituitaria (appendice del cervello), utero e ghiandole mammarie vengono danneggiati ogni secondo. Quindi irregolarità mestruali, menopausa precoce, noduli nelle ghiandole mammarie (mastopatia), fibromi uterini, endometriosi, iperplasia endometriale e aborto spontaneo.

Gli scienziati sono da tempo interessati alla questione del perché, a 45 anni, i residenti di regioni "arretrate" continuano ancora attivamente a procreare, e molti dei loro coetanei nei paesi industrializzati, inclusa la Russia, soffrono di menopausa da diversi anni. Il fatto è che, sfortunatamente, gli organi riproduttivi delle donne nei paesi sviluppati subiscono un carico tossico colossale e una menopausa precoce (fino a 45 anni) non è rara qui),

- malattie nervose, depressioni e nevrosi (al centro delle malattie nervose c'è il danno al cervello causato dalle tossine del sangue scarsamente filtrato. Di conseguenza: depressione, nevrosi, problemi di memoria, intelligenza, concentrazione, affaticamento, sonno scarso),

- problemi con il tratto gastrointestinale,

- malattie della tiroide,

- malattie del cuore e dei vasi sanguigni,

Cosa fa male al nostro fegato?

Il maggior danno al fegato è causato da alcol e virus..

Mito: i problemi al fegato sono la maggior parte delle persone con alcolismo. Ciò sembra essere confermato dalle statistiche dell'Organizzazione mondiale della sanità: il 50-60% delle malattie del fegato sono di origine alcolica. Tuttavia, non devi essere un ubriacone per danneggiare un organo vitale. Molte persone di successo, attive e prospere tra i 30 ei 50 anni, la cosiddetta classe media, sono sotto attacco. Bevono, nelle loro stesse parole, "un po ', sapendo quando fermarsi"..

- bere una grande dose di alcol in breve tempo, per una o due ore. Basta sedersi con gli amici in un bar una o due volte alla settimana, in modo che dopo qualche tempo compaiano problemi al fegato;

- l'uso indiscriminato di droghe è la causa del 10% delle malattie del fegato. Antibiotici, antivirali, antistaminici, come molti altri farmaci, influenzano negativamente il fegato;

- aromi alimentari, coloranti, esaltatori di sapidità, soda dolce, grassi per dolciumi e agenti cancerogeni che si formano quando i prodotti vengono fritti ripetutamente nello strutto e nell'olio (ad eccezione degli oli di oliva e burro chiarificato).

La steatosi epatica è un nemico nascosto

Accade così che una persona non abusi di alcol, o addirittura non beva affatto, ma i problemi continuano ad apparire. Ciò è spesso dovuto a steatosi epatica non alcolica o steatosi non alcolica. Con questo disturbo, il grasso si accumula nel fegato e, se non viene fatto nulla, le cellule dell'organo iniziano a morire..

Negli ultimi anni, la malattia è diventata più comune, soprattutto nei paesi sviluppati. In Russia, il 27% dei residenti soffre di steatosi non alcolica (e solo l'1% di loro è consapevole del proprio problema).

- dieta squilibrata - alimenti impoveriti di vitamine, mancanza di proteine ​​e grassi vegetali nella dieta, eccesso di grassi animali e carboidrati;

- stile di vita sedentario, mancanza di attività fisica regolare, passeggiate all'aria aperta, seduta costante al lavoro;

- disturbi endocrini, come il diabete di tipo 2 o ipertiroidismo, sovrappeso e obesità.

La steatosi epatica non alcolica può causare aterosclerosi, infarto miocardico, emorragia cerebrale, disturbi endocrini, diabete mellito di tipo 2, cirrosi e persino cancro al fegato.

Virus e infezioni

I più comuni e più pericolosi per il fegato sono i virus dell'epatite A, B, C, D, E..

L'epatite A viene trasmessa per via orale e può essere introdotta nel corpo attraverso il cibo, le mani sporche, i piatti, ecc. È anche il tipo più favorevole di epatite, poiché è quasi completamente guarito.

L'epatite B e C sono più comuni e si trasmettono attraverso sangue, saliva, genitali. Molto spesso, le malattie causate da questi virus assumono una forma cronica e distruggono lentamente le cellule del fegato durante la vita. Pericolosi per il fegato non sono solo i virus dell'epatite, ma anche molti altri virus, batteri e infezioni che causano danni al fegato e intossicazione del corpo.

Fonti di infezione da virus:

- strumenti medici o manicure non sufficientemente disinfettati,

- acqua proveniente da fonti contaminate e talvolta da rubinetti dell'acqua. Pertanto, se in casa non è presente un filtro affidabile, è necessario bere solo acqua bollita..

alcol, controllo del peso e attività ricreative all'aperto.

- A una tavola abbondante, devi sapere quando fermarti. Perdere peso con attenzione e ragionevolmente, senza cercare in alcun modo di eliminare l'eccesso accumulato nell'ultimo anno entro una settimana. Durante i periodi di "stress estremo" (le stesse feste e ricorrenze, per esempio), vale la pena sostenere il fegato assumendo farmaci che migliorano la funzionalità epatica. Non dimenticare di consultare prima il tuo medico, - sottolinea Lygzhima Bulygina.

È pericoloso "pulire" il fegato a casa

Si tratta di eliminare i dotti coleretici. Se le vie biliari di una persona sono piene di pietre, c'è il rischio che la pietra blocchi il condotto. Il risultato naturale di tale pulizia potrebbe non essere la pulizia, ma il tavolo operatorio. L'ulcera duodenale è una controindicazione alla "pulizia". L'aumentata secrezione della bile porta all'irritazione della mucosa e alla progressione della malattia.

Dovresti stare in guardia se hai:

- eruttazione, pesantezza allo stomaco, forte formazione di gas dopo aver mangiato il solito,

- una forte diminuzione della capacità lavorativa: la sera tutto sembrava essere in ordine, e al mattino una persona si sveglia con difficoltà e si sforza a malapena di alzarsi dal letto.

Consultare urgentemente un epatologo se:

- c'è una sensazione di dolore costante e doloroso nell'ipocondrio destro per tutto il giorno,

- con lo sforzo fisico o la guida tremante, il dolore aumenta,

- diminuzione dell'appetito, nausea, bruciore di stomaco o persino vomito; anche con malattie del fegato ci possono essere mal di testa, prurito cutaneo, emorragie sulla pelle e può verificarsi una tendenza allo svenimento, prevenzione delle malattie del fegato - cibo a basso contenuto di grassi, assunzione tempestiva di vitamine, rifiuto

- letargia, debolezza, stanchezza rapida, una tonalità gialla del colore della pelle, il colore delle urine diventa scuro e le feci scoloriscono.

Come coccolare il fegato?

Tradizionalmente, per le malattie del fegato, i medici raccomandano di aderire a una dieta terapeutica. È abbastanza facilmente tollerabile, sebbene comporti alcune restrizioni dietetiche..

pane di ieri o secco, pasticcini scomodi con ricotta o mele,

frittata proteica, tuorlo - massimo uno al giorno,

zuppe di latticini o verdure con cereali o pasta, borscht vegetariano e zuppa di cavolo,

pollo e tacchino senza pelle, manzo, coniglio, bolliti, al vapore o al forno,

latte, kefir, yogurt, ricotta non acida, formaggio dolce,

pesce magro bollito o al forno,

burro, girasole, oliva, olio di mais,

tutti i cereali e la pasta,

verdure crude, bollite, al forno, crauti non acidi,

frutta e bacche non acide, composte, gelatina da loro,

zucchero, miele, marmellata, marmellata, caramelle non al cioccolato,

tè al limone, caffè con latte, verdura e succhi di frutta.

pane fresco, focacce e pasta sfoglia, torte fritte, soprattutto con ripieno untuoso,

uova fritte e sode,

carne, pesce, brodo di funghi e zuppe a base di esso, okroshka,

maiale grasso, frattaglie, anatra e oca, carne fritta, carni affumicate,

ricotta acida, formaggi grassi, panna,

pesce grasso, affumicato e salato, cibo in scatola, caviale,

burro chiarificato, strutto, margarina, grasso fritto,

acetosa, spinaci, aglio, ravanello, ravanello, qualsiasi verdura marinata,

frutti e bacche acide,

cioccolato, gelato, crema pasticcera,

caffè, cacao, eventuali bevande fredde.

I popoli del Caucaso credevano che l'anima umana viva nel fegato, gli antichi cinesi dicevano che la vecchiaia risiede in esso, e i francesi la chiamano ancora la “ghiandola dell'umore”. Per la varietà di funzioni che svolge, può essere definito senza esagerazione il principale laboratorio biochimico del corpo umano..

Il fegato è un organo unico nella sua capacità di rigenerarsi. Lo sapevano anche gli antichi, che componevano il mito di Prometeo. Secondo il mito, ogni giorno un uccello rapace entrava in volo e beccava il fegato dell'eroe incatenato a una roccia, e ogni volta durante la notte il fegato veniva ripristinato di nuovo. Anche se solo 1/10 del fegato funziona, è in grado di far fronte alla disintossicazione del corpo. Il fegato è in grado di riprendersi preservando anche il 25% del tessuto sano.

Ci sono controindicazioni. Consulenza specialistica richiesta

Dov'è il fegato e come fa male

Il fegato è l'organo più importante del corpo di ogni persona, è una specie di filtro: passa attraverso se stesso tutte le tossine, i cibi grassi spazzatura, l'alcol e le droghe. Sotto la pressione di sostanze nocive, a volte semplicemente non può resistere. Tuttavia, non ci sono assolutamente terminazioni nervose in questo organo, quindi i medici hanno discusso a lungo sul fatto che il fegato potesse ferire..

Come fa male il fegato

Il fegato stesso è una delle più grandi ghiandole del corpo umano, che è direttamente coinvolta nel metabolismo di proteine, grassi e carboidrati. È anche responsabile del processo digestivo. Il corpo umano non può esistere senza di esso..

È già stato riscontrato che le terminazioni nervose sono completamente assenti nella ghiandola. Pertanto, la risposta alla domanda se il fegato può ferire è inequivocabile - no..

Sensazioni di dolore spiacevoli si verificano in una persona a causa dello stiramento della capsula epatica, che, al contrario, contiene molte terminazioni nervose. Ma un forte dolore può verificarsi solo in casi estremi e molto gravi - con cirrosi, epatite, tumori.

Nelle malattie gravi, la dimensione del fegato aumenta in modo significativo e inizia a premere sugli organi vicini e sulla propria membrana, causando così dolore. In altre situazioni, il dolore non è pronunciato e non tutti li notano, quindi apprende la malattia solo durante un esame di routine da parte di un medico..

Può far male il fegato

Come definire un fegato malato e può far male? I disturbi nel lavoro della ghiandola sono indicati da dolori di diversa natura a destra sotto le costole. Possono anche essere dati alla schiena e persino al collo..

In alcuni casi, compaiono crampi nella zona dello stomaco. Ma come accennato in precedenza, il fegato semplicemente non può ferire, è il suo guscio che provoca sensazioni dolorose. La sindrome del dolore, di regola, appare con alcuni fattori:

Stile di vita inattivo e immobile

Si verifica un ristagno della bile, provocando coliche. Se si verificano, consultare immediatamente un medico e sottoporsi a un esame completo..

Attività sportive, per lo più intense

Dopo l'attività fisica, anche l'esercizio più leggero o la corsa, c'è spesso una sensazione lancinante nella parte destra. Ciò è dovuto al fatto che durante l'esercizio fisico, la circolazione sanguigna viene accelerata, l'organo si riempie di sangue e colpisce il guscio esterno..

Dieta povera

In questo caso, è chiaro che predominano cibi grassi, acidi o salati, nonché una grande quantità di cibi fritti. Inoltre, le diete regolari possono influire negativamente sul fegato..

Quasi sempre il fegato fa male nelle persone con dipendenza da alcol.

Gravidanza

Durante la gravidanza, tutti gli organi di una donna vengono ricostruiti, poiché iniziano a funzionare per due organismi e non per uno. Nel terzo trimestre, quando l'utero si allarga, inizia a premere su tutti gli organi e il fegato è il più vicino. Spesso, quando trasportano un bambino, le future mamme provano un dolore caratteristico.

Assunzione di medicinali

Le persone con malattie croniche spesso sentono dolore, poiché devono assumere un gran numero di farmaci ogni giorno. Danno il carico più forte, è da questo che fa male il fegato di una persona "seduta sulle pillole".

Spesso, la stessa reazione è provocata dai contraccettivi orali, che le donne possono assumere per diversi anni..

Come fa esattamente male il fegato di una persona?

A seconda della malattia e del malfunzionamento, il fegato fa male in ogni persona in modi diversi, quindi è difficile capire cosa fa esattamente male. La natura del dolore può essere diversa: dolorante, acuta, lancinante o tirante. Ma molto spesso il dolore si manifesta come colica sotto le costole a destra..

Segni che indicano problemi al fegato:

  • Disagio sotto le costole a destra;
  • L'amarezza si avverte in bocca;
  • Eruttazione accompagnata da un caratteristico odore sgradevole;
  • Placca in bocca, in particolare sulla lingua (può essere gialla o bianca, a seconda dello stadio della malattia);
  • Debolezza in tutto il corpo;
  • Scarso appetito;
  • Sudorazione eccessiva (spesso di notte)
  • Irritabilità;
  • Anche la perdita di peso è possibile, ma non in modo significativo.

Oltre ai sintomi generali associati a un malfunzionamento dell'organo, possono verificarsi nausea, vomito, costipazione o gonfiore..

Molto spesso, le malattie sono indicate da un colore malsano dei bulbi oculari (diventano gialli), eruzioni cutanee e prurito. In casi estremamente rari, è possibile la perdita di coscienza. I malfunzionamenti del fegato negli uomini possono influenzare la potenza, mentre nelle donne, le irregolarità mestruali.

Patologie come evidenziato dal dolore al fegato

Nessun organo può ferire così, senza motivo. Dolori di diversa natura possono indicare la presenza di varie malattie o un malfunzionamento dell'organo.

Per quali disturbi e problemi nel corpo fa male il fegato:

  • Intossicazione. Questo è un avvelenamento del corpo con l'alcol (se consumato a lungo) e con le droghe.
  • Infezioni batteriche.
  • Malattie di natura virale.
  • Infiammazione degli organi vicini al fegato.
  • Malattie dell'apparato digerente.
  • Interruzioni del metabolismo.
  • Patologie congenite ed ereditarie.
  • Infezioni causate da parassiti (lamblia, ameba, elminti), che possono colpire sia il fegato stesso che gli organi adiacenti.
  • Tumori maligni o benigni.

Ognuna di queste malattie è direttamente correlata al lavoro del fegato. Sulla base di ciò, è necessario essere in grado di determinare la sintomatologia di una particolare malattia e, se si hanno almeno alcuni sintomi, chiedere immediatamente il parere di un medico per un esame completo e prescrivere un trattamento appropriato.

Non dovresti cercare di capire in modo indipendente perché il fegato fa male e auto-medicare. Tutti dovrebbero sottoporsi a un esame preventivo almeno una volta all'anno, ciò consentirà di identificare tempestivamente le deviazioni nel lavoro non solo del fegato, ma anche di altri organi vitali.

In caso di qualsiasi, anche la minima a prima vista, violazioni nel fegato, è necessario contattare immediatamente uno specialista in un dispensario gastroenterologico per una consulenza dettagliata.

Prenditi cura del fegato fin dalla giovane età!

Il fegato è tradizionalmente chiamato il laboratorio biochimico del nostro corpo. Ha molte funzioni. Basti pensare che tutte le sostanze nocive che entrano nel corpo sono rese innocue da questo organo. Come funziona il fegato, Dottore in Scienze Mediche, Professore, Capo del Dipartimento di Gastroenterologia ed Epatologia dell'Istituto di Ricerca di Cardiologia e Malattie Interne della MZRK, Presidente dell'Associazione del Kazakistan per lo Studio del Fegato, Alexander Vitalievich Nersesov ha detto al quotidiano "Esperto di salute".

Dopo la celebrazione dell'anniversario, una sensazione di pesantezza è apparsa nell'ipocondrio destro. Come puoi affrontarlo?
Zavorotnyuk Alexander, Almaty
Non c'è bisogno di ingozzarsi abbastanza da richiedere cure mediche.
Bene, se ciò accade ancora, a volte è sufficiente mangiare una fetta di limone e, se non aiuta, puoi prendere un preparato enzimatico.

È vero che il fegato non ha terminazioni nervose e se fa male, allora è la cistifellea?
Alekseeva Tamara, Astana
Non certo in quel modo. Nel tessuto epatico stesso, non ci sono davvero terminazioni nervose. Pertanto, quando viene eseguita una biopsia epatica e l'ago viene fatto avanzare nell'organo, è indolore per una persona. Ma ci sono terminazioni nervose nella capsula del fegato. Se il fegato è notevolmente ingrandito e la capsula è allungata, il dolore può essere associato a questo. Ma molto spesso, quando una persona indica l'ipocondrio destro e dice che il dolore si verifica lì, di regola, sono associati a motilità ridotta, infiammazione della cistifellea o delle vie biliari.

EZ: Come determinare se ci sono pietre e sabbia nella cistifellea?
La diagnostica ecografica è il metodo più accettabile in termini di accuratezza, sicurezza ed economia. Esistono segni ecografici, indiretti e diretti, con cui è possibile determinare la presenza di pietre o sabbia nella cistifellea

Se ci sono pietre nella cistifellea, è necessario sottoporsi a un'operazione o esistono metodi terapeutici di trattamento?
Baidauletova Nurgul, Karaganda
Secondo gli standard esistenti, la presenza di calcoli nella cistifellea è un'indicazione per la sua rimozione: la chirurgia della colecistectomia, che ora viene eseguita nella maggior parte dei casi con il metodo laparoscopico. È pericoloso posticipare l'operazione, soprattutto quando i calcoli si presentano sotto forma di attacchi di colica biliare. È quasi impossibile sciogliere le pietre. E sebbene ci siano preparati di acido ursordeossicolico, nelle annotazioni a cui i produttori indicano la possibilità di sciogliere piccole pietre da parte loro, stiamo parlando solo delle cosiddette pietre di colesterolo. Sono morbidi, puoi persino impastarli in mano, ma nella pratica clinica tali pietre sono estremamente rare. Molto spesso abbiamo a che fare con tipi di calcoli biliari pigmentati o misti che non possono essere sciolti. Per quanto riguarda l'uso di metodi popolari basati su procedure coleretiche (prendendo succo di limone, olio d'oliva, ecc.), Quindi non possono essere usati categoricamente. Il diametro del dotto biliare comune non supera i 3-4 millimetri, quindi le pietre più grandi semplicemente non passeranno e le pietre più piccole possono ostruire il dotto e causare ittero ostruttivo - una condizione chirurgica acuta irta di gravi complicazioni e che richiede un'operazione urgente e complessa

Quando è necessario pulire il fegato? Come?
Daulettreeva Galima, Almaty
Il fegato non è una fogna e non è necessaria alcuna pulizia. Vorrei sottolineare che se il paziente ha malattie del fegato stesso (ad esempio, epatite), allora è impossibile sovraccaricare l'organo e stimolare la secrezione biliare in ogni caso. In questo caso, anche eventuali preparati a base di erbe coleretiche sono controindicati. Per quanto riguarda la procedura di sondaggio alla cieca, chiamata tyubage, l'abbiamo precedentemente raccomandata a pazienti con colecistite acuta o disfunzione della colecisti, che sono accompagnate da congestione biliare. Ora, quando c'è una lunga lista di farmaci coleretici nell'arsenale, il tyubage non è così popolare.

EZ: È vero che con le malattie del fegato ci possono essere disturbi nervosi? Come si manifestano? E qual è la ragione di questa connessione?
La combinazione di disturbi neurologici con patologia epatica si verifica in alcune malattie congenite, ad esempio la malattia di Konovalov-Wilson. Più spesso noi gastroenterologi ci occupiamo di encefalopatia epatica. Ma questo non è un disturbo neurologico, ma mentale che si verifica in pazienti con stadi avanzati di cirrosi epatica o insufficienza epatica.
Il meccanismo è associato all'accumulo di urea nel siero del sangue. L'urea è uno dei prodotti finali della scomposizione delle proteine. Un fegato malato non è in grado di neutralizzarlo.

Qual è la differenza tra l'epatite A e l'epatite B e C?
Lukinykh Alla, Kostanay
La differenza è che sono causati da virus diversi che vengono trasmessi attraverso meccanismi diversi. L'epatite A si trasmette per via enterale (fecale-orale), si manifesta solo in forma acuta e nella maggior parte dei casi non richiede alcun trattamento diverso dalla dieta e dall'assunzione di molti liquidi. I virus dell'epatite B e C hanno un meccanismo di trasmissione parenterale, ad es. l'infezione si verifica quando il sangue o altri fluidi biologici di un paziente infetto entra nel corpo di una persona sana. Inoltre, nel 90-95% dell'epatite B si manifesta in forma acuta e solo nel 5-10% dei casi diventa cronica. L'uso di regimi terapeutici antivirali approvati può ottenere il controllo del virus dell'epatite B (cioè, ridurre la sua concentrazione nel sangue a un livello sicuro o convertire il virus in una forma "inattiva"). L'epatite C più spesso - in circa l'80% dei casi - diventa cronica e l'efficacia della sua terapia antivirale è maggiore. Con un trattamento adeguato da parte di uno specialista qualificato, si osserva una scomparsa persistente del virus dell'epatite C nel 60-90% dei casi, a seconda del tipo (genotipo) del virus. Il trattamento tempestivo dell'epatite virale previene la progressione della malattia, ad es. sviluppo di cirrosi e cancro al fegato.

Quale cibo mette a dura prova il fegato? Quali cibi fanno bene al fegato?
Karimova Evgeniya, Pavlodar
Lo stress maggiore per il fegato è dato dall'alcol, dai cibi grassi e soprattutto dalla loro combinazione. Pertanto, la prima raccomandazione per le malattie del fegato è l'esclusione di bevande alcoliche e alimenti contenenti grassi animali..
La fibra alimentare, la pectina contenuta nella verdura e nella frutta sono utili per il fegato. Non dimenticare di assumere una quantità sufficiente di liquidi. Negli ultimi anni sono stati effettuati ampi studi di popolazione all'estero, che hanno dimostrato l'effetto antifibrotico e antitumorale del caffè, confermato dal 43% dei pazienti sani ed epatitici che hanno consumato 2 tazze di questa bevanda al giorno..

Quanto alcol distrugge il fegato? È possibile in qualche modo recuperare dopo aver preso una dose?
Lettore, Almaty
Su questo numero sono stati pubblicati molti lavori diversi. Il rischio atteso di sviluppare una malattia del fegato in una persona sana sorge quando la dose settimanale di 40 grammi di etanolo viene superata per gli uomini e di 20 grammi per le donne. 40 grammi sono un bicchierino di alcolici, un bicchiere di vino, un cocktail o un boccale di birra medio. Non esiste una dose sicura di alcol per i pazienti con malattie del fegato, deve essere completamente abbandonata.

EZ: La cirrosi epatica è reversibile e in quale fase?
Fino a poco tempo, si pensava di no. La cirrosi è lo stadio finale della fibrosi, un processo mediante il quale il tessuto epatico viene sostituito da una cicatrice. È stato ora dimostrato che questo processo è reversibile nelle fasi iniziali se la causa della malattia è influenzata. Ad esempio, se trattiamo un paziente con epatite virale con farmaci antivirali, lo stadio della fibrosi epatica con biopsie ripetute diminuisce. Lo stesso si osserva fino a un certo punto nell'epatite alcolica, quando il paziente si rifiuta di bere alcolici.

Il medico ha diagnosticato un'epatosi tossica. Dove l'ho preso? Può essere curato?
Zakurdaeva Svetlana, Karaganda
Non esiste una diagnosi del genere. Esiste una diagnosi di epatosi grassa. Può essere causato da alcol o disturbi metabolici. La ragione di quest'ultimo può essere l'obesità, il diabete mellito, l'assunzione di determinati farmaci e, stranamente, la drammatica perdita di peso. Il fatto è che con i disturbi metabolici, il grasso si deposita non solo nel tessuto adiposo sottocutaneo, ma anche negli organi interni, compreso il parenchima epatico..

EZ: Qual è la conseguenza di questo? A cosa porta questo alla fine??
L'epatosi è una condizione potenzialmente reversibile. Se una persona grassa perde peso, il grasso dal fegato se ne va. La stessa cosa accade con il corretto trattamento del diabete mellito, rinunciando all'alcol. Ma se la causa principale non viene eliminata, nel tempo l'epatosi grassa può trasformarsi in steatoepatite alcolica o non alcolica e quindi in cirrosi e cancro del fegato primario. Quindi è importante non perdere tempo.

Perché il fegato fa male e cosa fare al riguardo

Anche un innocuo prurito alla schiena può essere un segno di grave patologia. Non essere troppo pigro per controllare.

Il fegato è una delle più grandi malattie del fegato nel nostro corpo. Aiuta a digerire il cibo, sintetizzare sostanze vitali, rimuovere le tossine dal corpo.

Se improvvisamente il fegato smette di funzionare, si ritorcerà contro con seri problemi per l'intero organismo, fino alla morte. Il problema è questo: a volte è difficile riconoscere che il fegato ha bisogno di aiuto.

La disfunzione epatica è un problema comune. Solo negli Stati Uniti, il dolore al fegato colpisce almeno 30 milioni di persone.

L'hacker di vita ha capito come non perdere i sintomi pericolosi e cosa farne.

Perché non puoi ignorare il fatto che il tuo fegato fa male

Diciamo subito una cosa molto importante. Se provi regolarmente sensazioni spiacevoli - tiranti, spasmodiche, dolorose - nel fegato, considera questo un motivo per contattare immediatamente un epatologo, un gastroenterologo o almeno un terapista. Ora spiegheremo perché.

Eccolo, il fegato, nella foto sotto. Metti la mano sul lato destro, coprendo le costole con il palmo e con le dita, puntandole verso l'ombelico, ipocondrio: l'hai trovato.

Il fegato stesso non può danneggiare il dolore al fegato - Cause e posizione, anche se non sta davvero bene: non ha recettori del dolore. Di solito, le sensazioni spiacevoli compaiono solo quando questa o quella malattia è andata abbastanza lontano. Il fegato si gonfia, si ingrandisce e preme sulle pareti della membrana circostante (capsula). Ci sono già terminazioni nervose nella capsula: è così che sorge una sensazione di pesantezza o dolore.

Ancora una volta: se il disagio appare nella parte destra e si ripete per diversi giorni o dura più di diverse ore, corri dal medico.

Forse non troverai nulla di serio. Forse la causa del disagio non sarà il fegato: ad esempio, i calcoli nella cistifellea si manifestano come dolorosi (che è anche pericoloso). Ma questo è proprio il caso in cui è meglio trascurare.

Quali altri sintomi di malattia del fegato ci sono?

Il dolore nella zona del fegato è un segno evidente. Ma non troppo frequente. A volte le malattie progressive di questo organo si fanno sentire come disagio in luoghi completamente diversi: ad esempio, vengono date alla parte anteriore dell'addome, alla parte bassa della schiena e talvolta anche alla spalla destra..

E a volte non c'è affatto dolore. Una persona vive, non sapendo che si sta avvicinando alla cirrosi in quella fase, che la medicina non può più affrontare.

Le prime violazioni nel fegato vengono rilevate, più facile è ripristinarlo. Pertanto, è importante conoscere anche altri sintomi, diretti e indiretti. Una combinazione di più in una volta è un motivo per visitare un terapista o un epatologo il prima possibile.

  • Stanchezza rapida, stanchezza immotivata per molto tempo - giorni, settimane.
  • Perdita di peso, soprattutto se si verifica senza cambiamenti nella dieta o nello stile di vita.
  • Nausea regolare, vertigini.
  • Diminuzione dell'appetito, sapore amaro in bocca.
  • Edema che si verifica regolarmente nella zona della caviglia.
  • Aumento dell'incidenza di gonfiore.
  • Prurito prolungato di origine sconosciuta - la pelle può prudere in qualsiasi area: schiena, petto, braccia, gambe.

E se, sullo sfondo di uno qualsiasi di questi sintomi, si riscontra un oscuramento delle urine, feci ovviamente gialle o di colore troppo chiaro, ingiallimento della pelle e delle mucose degli occhi, che improvvisamente diventano molto sensibili (al dolore) e stomaco morbido, una visita dal medico dovrebbe diventare un'emergenza..

Se ti senti stordito, hai gli occhi scuri, fa male o valuta le tue condizioni come molto brutte, questo è un motivo per chiamare un'ambulanza.

Possiamo parlare di una grave intossicazione del corpo..

Perché il fegato fa male?

Ci sono dozzine di dolore al fegato - Cause e malattie della posizione che possono distruggere questo organo in modo quasi impercettibile. Ecco i più comuni.

Epatite virale

Stiamo parlando di infiammazione del fegato causata da uno degli epatovirus: A, B, C o D..

Il più innocuo di loro (condizionatamente, in alcuni casi può anche portare alla morte) è il virus di tipo A, noto anche come ittero o malattia di Botkin. Questa è una classica "malattia della mano sporca": come altre infezioni intestinali, si trasmette attraverso alimenti contaminati, come frutta o acqua non lavati. Il vantaggio principale della malattia di Botkin è che è ovvio, prevenibile (esistono vaccinazioni contro il virus dell'epatite A) ed è molto spesso curabile senza conseguenze per il fegato..

I virus B, C e più rari D sono cose molto più serie. Sono trasmessi con fluidi corporei come sangue o sperma. Non ci sono vaccinazioni per loro, i sintomi vengono solitamente cancellati, possono essere confusi con il solito malessere. Nel frattempo, queste infezioni da epatite nella maggior parte dei casi diventano croniche. In definitiva, una qualsiasi di queste epatiti può svilupparsi in cirrosi, insufficienza epatica o persino cancro al fegato..

Epatite alcolica

Anche infiammazione del fegato, solo che non è causata da un virus, ma dall'alcol. Un uso regolare ed eccessivo di alcol sovraccarica il fegato, lo distrugge dall'interno e può portare alla cirrosi (questo è il nome di una malattia in cui il tessuto epatico sano viene sostituito da tessuto cicatriziale e non può più svolgere le sue funzioni).

Altri tipi di epatite

Oltre all'alcol, troppi farmaci o avvelenamento da metalli pesanti hanno un effetto distruttivo sul fegato. In tali situazioni, parlano di epatite tossica o farmacologica. Può anche essere autoimmune: quando il sistema immunitario fallisce e attacca le cellule del proprio fegato.

Malattia del fegato grasso

Il grasso corporeo in eccesso si deposita non solo in vita e sui fianchi, ma anche intorno agli organi interni. Compreso, può accumularsi nelle cellule del fegato, aumentando le sue dimensioni e interferendo con le sue funzioni..

Ascesso epatico

Un ascesso (o cisti) è una sacca di liquido o pus infetto che si forma nel fegato. Possono causare infezioni batteriche, fungine o parassitarie. Di norma, una tale malattia è accompagnata da un aumento della temperatura e da un disagio abbastanza evidente nell'area del fegato, quindi è difficile vederlo..

Cancro al fegato

Una delle malattie più insidiose. Un tumore in via di sviluppo spesso non si manifesta fino a quando il cancro non progredisce a stadi avanzati. L'oncologia spesso "cresce" impercettibilmente dall'epatite cronica o dalla cirrosi. Ecco perché è necessario controllare lo stato del fegato, anche se, a prima vista, nulla ti fa male.

Cosa fare se il fegato fa male

Ripetiamo: provi ad arrivare dal dottore il prima possibile. Il medico ascolterà i reclami, effettuerà un esame, sentirà l'addome e, molto probabilmente, si offrirà di eseguire un esame del sangue: i cosiddetti test di funzionalità epatica e un test per l'epatite virale. Possono aiutarti a delineare quanto sia sano il tuo fegato..

Potrebbero essere necessarie altre ricerche, ad esempio:

  • Ultrasuoni del fegato e delle vie biliari - per determinare le dimensioni dell'organo e possibili danni;
  • imaging a risonanza magnetica o computerizzata;
  • biopsia: una manipolazione durante la quale un pezzo di tessuto epatico viene prelevato per analisi di laboratorio.

L'ulteriore trattamento dipenderà dai risultati del test. A volte, per dare vita al fegato, il dolore al fegato è sufficiente solo per apportare alcune modifiche allo stile di vita:

  • perdere peso;
  • rinunciare all'alcol;
  • passare a una dieta sana riducendo i cibi grassi.

Ma non tutti i problemi al fegato si risolvono così facilmente. Potresti aver bisogno di farmaci o interventi chirurgici. La decisione finale su come ripristinare esattamente l'organo danneggiato dovrebbe essere presa solo da un medico. Non auto-medicare in nessuna circostanza: potrebbe costarti la vita.