La cirrosi epatica può essere curata?

La cirrosi è una malattia epatica cronica in cui le cellule normali di un organo vengono sostituite da cellule patologiche, seguite da cicatrici. La malattia porta a conseguenze incurabili, soprattutto se il paziente non aderisce alle raccomandazioni stabilite dal medico. Oggi parleremo con te se viene trattata la cirrosi epatica, per quanto tempo vivono le persone con una diagnosi del genere.

Quanto è pericolosa la cirrosi epatica

Il fegato è un organo che non ha terminazioni nervose, quindi le sue malattie non si fanno sentire per molto tempo. Secondo le statistiche, l'83% di tutte le patologie di questo organo viene diagnosticato in un secondo momento. Tra le conseguenze della cirrosi ci sono anche malattie che portano alla morte del paziente. Tra questi va notato:

  1. L'ascite è un accumulo eccessivo di liquido nella cavità addominale. Con la patologia, l'addome aumenta di dimensioni, i processi di digestione sono ostacolati. Per alleviare le condizioni della vittima, trattamento farmacologico (con l'uso di albumina e diuretici) e paracentesi - la rimozione operativa del fluido dalla cavità addominale.
  2. Peritonite dell'etologia batterica - infiammazione delle pareti del peritoneo sullo sfondo dell'ascite. I sintomi della patologia si manifestano vividamente: nei pazienti la temperatura sale a 41 gradi, si osservano convulsioni e febbre. La peritonite è accompagnata da dolore addominale acuto. Per salvare vite umane, i pazienti vengono iniettati per via intramuscolare con antibiotici ad ampio spettro. La peritonite deve essere trattata in unità di terapia intensiva.
  3. Encefalopatia epatica. I segni caratteristici della condizione sono mal di testa, apatia, stanchezza eccessiva. La gravità dell'encefalopatia epatica si manifesta in modo diverso nei pazienti. Alcuni hanno disturbi neurologici minori, mentre altri cadono in uno stato di coma grave. La patologia si sviluppa a causa dell'accumulo di ammoniaca nel sangue. Il modo principale per combattere la malattia è limitare le proteine ​​nella dieta..
  4. Insufficienza epatica acuta. La condizione può causare la morte istantanea di una persona. L'albumina viene somministrata per via endovenosa per salvare la vita del paziente. L'insufficienza epatica viene trattata nelle unità di terapia intensiva.
  5. Vene varicose del tratto gastrointestinale. Sintomi di una condizione pericolosa: vomito incessante di sangue, aumento della frequenza cardiaca, aumento della pressione sanguigna. La patologia viene trattata chirurgicamente. Il suo scopo principale è legare i nodi estesi. Per prevenire l'emorragia interna, i pazienti vengono iniettati per via endovenosa con octropid. Le persone che hanno un basso livello di emoglobina ricevono una trasfusione di sangue.
  6. Oncologia. Un'altra malattia pericolosa che si sviluppa sullo sfondo della cirrosi epatica è l'oncologia. Solo la chirurgia del trapianto di fegato può curare questi pazienti..

La cirrosi epatica può essere curata?

La cirrosi epatica è attualmente molto difficile da trattare. Anche se recentemente ci sono stati nuovi sviluppi dei medici. Alla fine dell'articolo, vi suggeriamo di guardare un video degli ultimi progressi nel trattamento della cirrosi epatica. E devi capire che anche con forme avanzate di cirrosi, il paziente può prolungare la sua vita se segue rigorosamente il consiglio del medico.

Nel 2011 sulla carta stampata sono apparse informazioni sullo sviluppo di farmaci in grado di curare la cirrosi epatica. Gli scienziati hanno descritto esperimenti scientifici che dimostrano l'efficacia dei farmaci nella lotta contro una malattia pericolosa. Il loro principale principio d'azione è sospendere la sostituzione di tessuti epatici sani con tessuti connettivi, prevenire emorragie interne ed eliminare l'ascite. I farmaci non sono comparsi sul mercato farmacologico a causa del fatto che gli scienziati non sono riusciti a finalizzarli..

In futuro, si prevede di utilizzare questi fondi per trattare vari stadi della malattia. Nuovi farmaci per il trattamento della cirrosi attivano le cellule staminali dell'organo e ne favoriscono la rigenerazione. Il trattamento sarà inefficace solo se non più del 70% dei tessuti degli organi ha subito il processo distruttivo.

Attualmente, gli epatologi prescrivono farmaci ai pazienti che interrompono i processi patologici nei tessuti dell'organo. Non aiuteranno a sbarazzarsi completamente della cirrosi. L'unico modo per salvare la vita di un paziente nelle ultime fasi della malattia è trapiantare il fegato di un donatore.

I medici hanno opinioni contrastanti sulla chirurgia del trapianto di fegato. Questo tipo di intervento chirurgico è costoso e disponibile solo per una piccola percentuale della popolazione. C'è anche il rischio che dopo l'intervento l'organo donatore non metta radici. Solo nel 50% dei casi tali operazioni hanno successo..

C'è un alto rischio di complicazioni dopo un trapianto di fegato. Possono essere fatali durante il periodo di riabilitazione. L'aspettativa di vita dopo un trattamento chirurgico o medico dipende in gran parte dal grado di abbandono della malattia.

Possibilità di trattamento in vari stadi della cirrosi

I segni di una forma inattiva della malattia possono essere fermati per molto tempo. Con una terapia tempestiva, la cirrosi va in remissione per diversi anni e si aggrava solo se la dieta viene violata o le raccomandazioni fornite dal medico non vengono seguite.

Oltre alla forma e allo stadio della malattia, ci sono altri fattori che influenzano il successo del trattamento. Questi includono:

  • l'età del paziente;
  • la ragione per lo sviluppo della cirrosi;
  • la presenza di violazioni concomitanti e la loro gravità;
  • lo stato del sistema immunitario;
  • atteggiamento del paziente nei confronti delle raccomandazioni del medico.

La cirrosi epatica nel suo sviluppo attraversa diverse fasi, caratterizzate da sintomi distintivi. Si distinguono le seguenti fasi della malattia:

  1. Compensazione. All'inizio dello sviluppo, la cirrosi non si manifesta come una sintomatologia distintiva. È possibile identificare la patologia per caso: durante un esame di routine o durante un'ecografia degli organi addominali. Non ci sono segni clinici dello stadio di compensazione dovuto al fatto che la struttura dell'organo è composta principalmente da cellule sane.
  2. Subcompensazione. I pazienti riferiscono un aumento della fatica, debolezza, disagio e pesantezza nell'ipocondrio destro. Il loro appetito diminuisce, il loro peso corporeo diminuisce. Il fegato con cirrosi nella fase di sottocompensazione non è in grado di svolgere pienamente le sue funzioni. Ciò è dovuto alla graduale sostituzione dei tessuti degli organi sani con patologici.
  3. Decompensazione. La cirrosi provoca insufficienza epatica, manifestata da gravi sintomi patologici: ittero, ipertensione, intossicazione, coma.

Lo stadio compensato non può essere completamente curato, ma sarà possibile prevenire i cambiamenti cirrotici nella struttura dell'organo. Per prevenire complicazioni, ai pazienti vengono prescritti complessi vitaminici che normalizzano il metabolismo nell'apparato digerente. I pazienti con cirrosi in qualsiasi fase devono seguire una dieta rigorosa con restrizione di cibi grassi e proteici nella dieta. Qualsiasi errore nella nutrizione (in particolare il consumo di alcol) porterà a un'esacerbazione dei segni di patologia o alla sua progressione.

Per trattare lo stadio compensato del disturbo, i pazienti dovranno limitare i farmaci, perché alcuni di essi hanno un effetto tossico sull'organo colpito (glucocorticosteroidi, antibiotici). Ogni anno, un paziente a cui è stato diagnosticato uno stadio di cirrosi compensato dovrà visitare un medico per gli esami e la correzione del regime di trattamento (se necessario).

Nella seconda fase della progressione della malattia, si verifica la sostituzione attiva di tessuti epatici sani con tessuti connettivi. È molto difficile curare la patologia. Il paziente deve assumere regolarmente farmaci in modo che la cirrosi non vada in una fase scompensata. I pazienti con una forma compensata del disturbo sono prescritti:

  • complessi vitaminici;
  • farmaci con azione epatoprotettiva;
  • acido lipoico, che protegge le cellule degli organi da ulteriori distruzioni;
  • prodotti a base di erbe che riducono la gravità dei segni di disturbi digestivi.

Nella fase di scompenso, il fegato inizia a decomporsi. Non può adempiere pienamente alle sue funzioni. L'obiettivo principale del trattamento in questo caso è alleviare i sintomi gravi della cirrosi in stadio avanzato..

Trattamento della cirrosi epatica

Il trattamento della cirrosi epatica viene effettuato in modo completo. Comprende l'assunzione di farmaci, la medicina tradizionale e la dieta. Se i metodi di trattamento conservativi non portano risultati, ricorrono all'intervento chirurgico: trapianto di fegato.

Il compito principale della terapia patologica:

  • rallentare il processo fibrotico nei tessuti dell'organo;
  • diminuzione della gravità dei sintomi gravi;
  • normalizzazione del funzionamento del tratto digestivo;
  • prevenzione di pericolose complicanze infettive.

Le fasi finali del disturbo vengono trattate in ambiente ospedaliero. La cirrosi epatica dello stadio compensato può essere trattata in regime ambulatoriale. Le persone con problemi al fegato dovranno sottoporsi regolarmente a esami del sangue, delle feci e delle urine..

Terapia farmacologica

I farmaci prescritti per la cirrosi sono necessari per il rafforzamento generale dell'immunità del paziente e per alleviare i sintomi della patologia. Tipi di medicinali usati per il danno alle cellule del fegato:

  • epatoprotettori - Ursosan, Ursokhol;
  • lassativi - Duphalac;
  • diuretici - Klopamin;
  • antibiotici - Azitromicina;
  • farmaci coleretici - Allohol, Holosas;
  • complessi vitaminici e minerali.

Per prevenire la distruzione delle cellule cerebrali sullo sfondo di un aumento dell'ammoniaca nel sangue, i pazienti vengono iniettati per via endovenosa con soluzioni di disintossicazione.

Dieta

Con la cirrosi epatica, i pazienti devono rifiutare il cibo ricco di proteine, poiché non viene assorbito dal loro corpo. Per questo motivo, la sostanza si accumula nell'apparato digerente, provocando processi di fermentazione e putrefazione nell'intestino. Diversi giorni alla settimana, si consiglia di organizzare giorni di digiuno, che escludono completamente il consumo di alimenti proteici.

In caso di malattia, si consiglia di attenersi alla tabella dietetica numero 5. Insieme agli alimenti proteici, viene imposta una restrizione all'assunzione di sale e spezie. L'elenco degli alimenti proibiti include:

  • salsicce;
  • carni affumicate;
  • conservazione;
  • confetteria;
  • salse;
  • condimenti;
  • formaggi.

Rimedi popolari

Rallentare lo sviluppo della cirrosi consentire ricette di medicina alternativa. Migliorano il flusso della bile dal corpo e normalizzano il funzionamento del sistema digestivo. Prima di usare la medicina tradizionale, assicurati di consultare un medico..

Ricette popolari per la cirrosi epatica:

  1. Farina di cardo mariano. 20 g di semi di piante vengono passati attraverso un macinino da caffè e prendono 1 cucchiaino. prima di mangiare. La polvere può essere lavata con acqua.
  2. Tintura di seta di mais: 1 cucchiaio. l. le materie prime vegetali tritate vengono schiacciate e riempite con 250 ml di acqua bollente. La miscela viene infusa per almeno 2 ore, dopodiché viene assunta in 100 ml 2 volte al giorno.
  3. Brodo d'avena L'avena è una pianta con un potente effetto coleretico. 2 tazze di avena vengono versate con 1 litro di acqua bollente e insistono in un thermos per 12 ore. La soluzione filtrata viene bevuta 150 ml 2 volte al giorno.

Trapianto di fegato

L'unico modo per salvare la vita di una persona nelle fasi avanzate della malattia è il trapianto di fegato. Le complicazioni dopo l'intervento chirurgico possono anche portare a tristi conseguenze se l'organo non attecchisce. La difficoltà dell'operazione risiede non solo nella sua attuazione, ma anche nel trovare un donatore.
.

Prevenzione delle complicazioni

La prevenzione delle conseguenze della cirrosi epatica include:

  • assunzione regolare di farmaci prescritti da un medico;
  • stretta aderenza alla dieta;
  • rifiuto di alcol e sigarette;
  • rispetto delle norme sanitarie e igieniche;
  • passaggio regolare degli studi necessari;
  • trattamento tempestivo delle malattie infettive e virali.

Quanti vivono con la cirrosi epatica

La prognosi per la sopravvivenza dei pazienti con cirrosi epatica dipende dalla gravità della patologia. Con una forma compensata della malattia, i pazienti vivono per circa 7-10 anni. Se il paziente rifiuta l'alcol e segue una dieta, la sua aspettativa di vita può aumentare fino a 10-15 anni. La prognosi relativa allo stadio scompensato della malattia è sfavorevole. Dopo tale diagnosi, solo 20 pazienti su 100 possono vivere per altri 5 anni..

Vi offriamo di guardare il video "Nuovi metodi di trattamento della cirrosi epatica". Qui si parla solo di come la medicina si è fatta avanti, quali tecnologie sono ora disponibili che consentono a un paziente con una diagnosi del genere di vivere pienamente.

La cirrosi epatica può essere curata??

Oggi la cirrosi epatica appartiene alla categoria delle malattie croniche, che nel tempo progredisce in senso negativo con possibile esito fatale. Molto spesso, questo disturbo si verifica nelle persone che abusano di alcol per molto tempo..

Di conseguenza, le cellule del fegato sono interessate e non possono essere ripristinate. L'organo cessa di adempiere al suo scopo funzionale diretto: filtrare il corpo da sostanze tossiche nocive.

Sempre più spesso una persona moderna si pone la domanda se viene trattata la cirrosi epatica? Nell'articolo presentato, proveremo a smontare questo problema punto per punto e indicare in quali casi può verificarsi la guarigione e quando si prevede che il paziente muoia.

Perché la cirrosi non può essere curata?

Venendo da lontano, possiamo dire che è impossibile curare completamente la cirrosi epatica. In effetti, nel processo della malattia, si verificano cicatrici sui tessuti, che al momento del recupero vengono sostituite dal tessuto connettivo.

Quest'ultimo, a sua volta, non è in grado di funzionare pienamente. Inoltre, ci sono momenti in cui una persona ha completamente abbandonato l'alcol e la malattia continua a progredire lentamente ma inesorabilmente..

La cirrosi epatica può essere curata? Le moderne tecnologie e tecniche mediche possono arrestare in modo significativo lo sviluppo della malattia, soprattutto se la malattia è stata diagnosticata nella fase iniziale. Pertanto, la vita di una persona viene estesa per più di una dozzina di anni e la sua qualità diventa quasi completa.

Trattamento di uno stadio inattivo di cirrosi

È possibile curare la cirrosi epatica? L'uomo moderno conosce le principali cause della cirrosi, che si esprimono nel consumo eccessivo di alcol e in altre cattive abitudini. Pertanto, prima di iniziare il processo di trattamento, gli esperti hanno avanzato un requisito fondamentale: uno stile di vita sano..

Questa è la base che contribuisce alla qualità del recupero. Il trattamento della fase compensata viene effettuato a casa. Una dieta curativa speciale è una parte essenziale che deve essere seguita con incredibile precisione. Altrimenti, la malattia può dare un forte aggravamento. Quella che segue è una dieta approssimativa, che viene preparata da un nutrizionista, a seconda dello stadio della cirrosi:

  • È vietato utilizzare nella dieta quotidiana alimenti ricchi in presenza di vari oli essenziali (ravanello, spinaci, aglio, senape, rapa, ecc.). Evita completamente le spezie e i condimenti. Consumando questi prodotti, si verifica uno spasmo muscolare liscio, che contribuisce alla vasocostrizione e alla circolazione sanguigna di alta qualità. E questo, a sua volta, irrita il fegato e influisce negativamente sul suo lavoro;
  • Alcol, bevande gassate, succhi. Tutti questi liquidi contengono una grande quantità di conservanti e sostanze nocive, che il fegato spende troppe energie per l'elaborazione;
  • Escludere dal menu cibi contenenti una quantità eccessiva di grassi animali (strutto, carni grasse, salsicce, maionese, ecc.). Per elaborarli, è necessaria troppa bile, che il fegato malato non può elaborare;
  • I legumi, come piselli, soia o fagioli, portano alla flatulenza, che si manifesta già durante il corso della cirrosi.

La condizione successiva per il trattamento della fase inattiva della malattia è l'uso di una quantità minima di farmaci. Ciò è particolarmente vero per quei farmaci che vengono metabolizzati nel fegato. Un moderno produttore di farmaci produce molti farmaci che hanno proprietà ipatotoscopiche, quindi i medici prescrivono proprio tali farmaci.

Va notato che alcuni farmaci antibatterici sono approvati anche per l'uso da parte di pazienti con cirrosi. Tuttavia, non è necessario auto-medicare, perché questa è una malattia grave che può portare alla morte. Pertanto, solo il medico curante può decidere sull'appuntamento..

Trattamento della fase attiva della cirrosi epatica

Cirrosi epatica attiva, curabile o no? - la domanda è piuttosto retorica, perché in questo caso la situazione è molto peggiore che con la fase compensata. Qui, le misure obbligatorie non sono solo il rifiuto di cattive abitudini e dieta, ma anche l'assunzione di farmaci..

Ormoni, immunosoppressori, epatoprotettori: tutti questi gruppi di farmaci devono essere presenti nel complesso trattamento della malattia. Quando una persona è in condizioni gravi, uno specialista prescrive la terapia infusionale.
Il trattamento è determinato in base alle cause della cirrosi e alla forma del suo decorso.

Ad esempio, con l'ascite, il liquido si accumula nella cavità addominale del paziente, che deve essere pompata ad intervalli regolari. All'inizio, al paziente possono essere prescritti diuretici, ma molto spesso viene eseguito uno speciale tubo di drenaggio attraverso il quale scorre lo stesso fluido.

In caso di emorragia interna associata a carico vascolare, il paziente viene sottoposto a trasfusione di emocomponenti. A volte il medico ritiene necessario prescrivere farmaci contenenti ferro. Abbastanza spesso, sullo sfondo della cirrosi, si sviluppano emorroidi, quindi dovrebbe anche essere trattata.

Tutto il trattamento di cui sopra nella fase attiva della malattia è esclusivamente misure di supporto che aiutano a prolungare la vita del paziente di diversi anni o mesi. Affinché il trattamento della cirrosi sia efficace, è necessario diagnosticare nelle prime fasi.

Altrimenti, quando la malattia ha raggiunto il quarto stadio finale, il trattamento non è più in grado di aiutare il paziente. Ci sono due opzioni qui, la prima è un costoso trapianto di fegato, nel corso del quale ci sono molte controindicazioni. E la seconda opzione è la morte.

Vale la pena notare che il 50% delle persone con cirrosi muore. Le donne sono più suscettibili a questa malattia. Questo fatto è dovuto al fatto che il loro corpo non è in grado di percepire una grande quantità di tossine. Sicuramente dall'articolo di oggi hai capito perché c'è la cirrosi epatica.

Pertanto, se la tua vita scorre nella direzione sbagliata, costruisci per cambiarla da solo, trovandoti dall'abuso di bevande alcoliche e alcol..

La cirrosi epatica può essere completamente curata? Con un adeguato trattamento di supporto, puoi vivere con un fegato danneggiato per diversi decenni, ma è improbabile che tu sia in grado di sbarazzarti completamente della cirrosi. Pertanto, non dovresti portarti a terribili malattie mortali.!

La cirrosi epatica può essere curata?

La cirrosi è una malattia cronica pericolosa che colpisce le cellule del fegato e porta all'interruzione della sua funzionalità. Ci sono molti fattori che possono provocare lo sviluppo di questo disturbo, ma il più delle volte si verifica con l'epatite C e l'alcolismo cronico. Dato che nella maggior parte dei casi questa patologia procede in una forma complicata e comporta vari problemi di salute, le persone che ne soffrono spesso si chiedono se la cirrosi epatica possa essere trattata e come prevenirne le complicazioni sullo sfondo. Questo sarà discusso ora..

Il meccanismo di sviluppo della cirrosi

Per rispondere alla domanda se la cirrosi epatica possa essere curata, è necessario prima comprendere il meccanismo del suo sviluppo. Come già accennato, vari motivi possono provocare lo sviluppo della malattia. Tra loro ci sono:

  • intossicazione del corpo sullo sfondo dell'uso a lungo termine di droghe, radiazioni, esposizione a sostanze chimiche e vapori;
  • degenerazione grassa del fegato derivante dall'obesità o dallo sviluppo del diabete mellito di tipo 1 e 2;
  • insufficienza cardiaca complicata dalla congestione del fegato;
  • degenerazione cirrotica del fegato;
  • trombosi della vena porta;
  • metabolismo alterato dei grassi nel corpo;
  • patologia del sistema biliare;
  • epatite C;
  • dipendenza da alcol, ecc..

Cosa succede al fegato se esposto a questi fattori? In esso iniziano a svilupparsi processi patologici che comportano la morte delle sue cellule. Di conseguenza, appaiono dei "buchi" nell'organo, che cerca di "rattoppare". Per questo, il fegato inizia a costruire le sue pareti con il tessuto connettivo. L'integrità dell'organo viene ripristinata, ma la sua funzione, purtroppo, non lo è. Il tessuto sostitutivo non può svolgere le funzioni di cellule morte. Il fegato cerca di compensare ciò iniziando a lavorare a un ritmo accelerato. Di conseguenza, l'organo è sovraccarico, i processi patologici nel suo parenchima si intensificano, si verifica la morte cellulare su larga scala, il tessuto connettivo cresce, si verifica una disfunzione epatica.

La cirrosi viene trattata o meno?

C'è solo un modo per riprendersi dalla cirrosi di grado 4: il trapianto di fegato. Ma, in primo luogo, questa è un'operazione piuttosto costosa e non è alla portata di tutti, in secondo luogo, la probabilità che il fegato trapiantato attecchisca è del 50% e, in terzo luogo, ci sono alti rischi di complicanze postoperatorie che possono causare improvvise morte o sviluppo di altre malattie non meno gravi.

È anche possibile sospendere l'ulteriore distruzione dell'organo mediante farmaci, ma solo se viene rilevata la cirrosi nella fase iniziale del suo sviluppo. In una forma trascurata, gli specialisti possono solo alleviare i sintomi e rallentare solo temporaneamente lo sviluppo di complicanze.

Tuttavia, ogni anno sulla stampa ci sono informazioni sul trattamento della cirrosi, e per questo è semplicemente necessario prendere farmaci speciali. Sono stati menzionati in un giornale nel 2011. Descriveva esperimenti scientifici condotti da scienziati siberiani. Secondo loro, un rimedio per la cirrosi è già stato trovato, ma finora non lo rilasceranno sul mercato, poiché non è stato completamente finalizzato..

Il meccanismo di questi farmaci è semplice. Con la cirrosi, le cellule sane vengono costantemente sostituite dal tessuto connettivo. Questi farmaci sono in grado di avviare processi inversi nel fegato, ripristinandone così l'integrità e la funzionalità..

Tali dichiarazioni degli scienziati danno una grande speranza a tutti i pazienti. Tuttavia, fino ad ora questo farmaco non è stato commercializzato e non viene utilizzato nelle cliniche. E non ha analoghi. Pertanto, il trattamento del fegato viene eseguito utilizzando tecniche standard. E parlando se è possibile curare la cirrosi, possiamo dire che al momento è impossibile sbarazzarsene senza trapianto di organi. Ma gli scienziati stanno ancora combattendo per creare questo medicinale e ci danno la speranza che presto la risposta a questa domanda cambierà radicalmente..

Quanto è pericolosa la cirrosi epatica?

Il pericolo di cirrosi sta nel fatto che nella fase iniziale del suo sviluppo non dà alcun sintomo. Può essere rilevato solo durante un esame computerizzato (TC, RM o ecografia). Pertanto, i medici raccomandano che tutte le persone, senza eccezioni, si sottopongano a una visita medica completa ogni anno al fine di rilevare tempestivamente la malattia e iniziare il suo trattamento..

Per capire quanto sia pericolosa la cirrosi epatica, è necessario studiare le statistiche di mortalità per questa malattia. E mostra che ogni 100 persone di età compresa tra 35 e 55 anni muoiono di questa malattia solo pochi anni dopo la diagnosi. E se parliamo di quanto tempo vivono le persone con cirrosi, allora va detto che tutto qui dipende da diversi fattori: età, decorso della malattia, presenza di complicazioni sullo sfondo, ecc..

Nonostante il fatto che la cirrosi non possa essere curata, la prognosi quando viene diagnosticata non è sempre negativa in tutti i casi. Il trattamento moderno fornisce una compensazione per le cellule epatiche morte. In altre parole, se sono sopravvissuti, la terapia farmacologica tempestiva consente di prevenire un'ulteriore distruzione dell'organo e di reintegrare le sue funzioni con l'aiuto di enzimi speciali che fanno parte dei farmaci.

In alcuni casi, le persone sperimentano una progressione più lenta della malattia. Di norma, ciò accade con la cirrosi inattiva, che è caratterizzata da lunghe fasi di remissione, che durano diversi anni. E le ricadute si verificano solo dopo errori nella nutrizione o inosservanza delle raccomandazioni cliniche fornite da un medico, nonché a seguito dello sviluppo di gravi malattie infettive.

La durata media della vita di una persona che soffre di cirrosi è di 5 anni dopo la diagnosi. Tuttavia, l'influenza di alcuni fattori può accorciare o prolungare la vita del paziente..

Questi fattori includono:

  • il grado e la gravità del decorso della cirrosi;
  • la presenza di complicazioni e la loro gravità;
  • le ragioni dello sviluppo della malattia;
  • età e sesso del paziente;
  • atteggiamento del paziente nei confronti delle prescrizioni del medico.

Esistono diversi tipi di cirrosi, da cui dipendono anche la velocità del suo decorso e l'aspettativa di vita del paziente. Secondo la gravità dello sviluppo, la cirrosi ha diversi tipi:

  • Compensato. Il fegato è ancora in grado di produrre cellule che sostituiscono i morti. L'aspettativa di vita media con cirrosi compensata è di 8-10 anni.
  • Subcompensato. C'è una carenza di cellule sane, iniziano a esaurirsi e muoiono in quantità ancora maggiori. Le persone con tale cirrosi vivono in media circa 5 anni..
  • Scompensato. È accompagnato da varie complicazioni che complicano il trattamento della cirrosi. Molto spesso è accompagnato da ascite, che è caratterizzata dall'accumulo di liquido nella cavità addominale e può provocare lo sviluppo di peritonite. In questo caso, la durata media della vita è compresa tra 1 e 6 mesi. Se non ci sono complicazioni così gravi nella cirrosi scompensata, una persona con una tale diagnosi può vivere per circa 2-3 anni.

Un'altra complicanza comune della cirrosi è l'encefalopatia epatica. Con questa diagnosi, l'aspettativa di vita media è di 6-12 mesi. Quanto tempo vivrà un paziente con cirrosi dipende anche dalla causa della malattia. La più favorevole è considerata la cirrosi alcolica, che si verifica dopo che l'alcol è entrato nel corpo in grandi quantità e la forma biliare (autoimmune) della malattia.

Una caratteristica della cirrosi alcolica è che un significativo miglioramento delle condizioni del paziente si nota immediatamente dopo il rifiuto delle bevande alcoliche. L'aspettativa di vita in questo caso può aumentare di 10 anni o più..

Con lo sviluppo della cirrosi autoimmune, sfortunatamente, non è possibile eliminare l'impatto di un fattore negativo sul corpo. Tuttavia, con questa forma della malattia, le persone vivono per circa 6-7 anni dal momento in cui compaiono i sintomi primari..

Una prognosi infausta è di cirrosi virale. Con una tale malattia, i pazienti vivono non più di 2 anni. Esiste anche un concetto come la cirrosi cardiaca, che si sviluppa sullo sfondo di un'insufficienza cardiaca prolungata ed è caratterizzata da un cambiamento globale nella struttura dell'organo. Con questa forma di malattia, l'aspettativa di vita media è di 2-4 anni.

Sfortunatamente, la cirrosi è una malattia incurabile. E non credere alle voci secondo cui ci sono stati casi di guarigione da questo disturbo. Si verificano solo dopo il trapianto di fegato. In tutti gli altri casi, i pazienti possono prolungare la loro vita in un solo modo: seguendo tutte le raccomandazioni del medico, sottoponendosi a cicli completi di trattamento in ospedale e osservando rigorosamente una dieta..

Metodi di trattamento

Il trattamento della cirrosi deve essere effettuato periodicamente in un ospedale. Questo dovrebbe essere fatto ogni 3-6 mesi, a seconda del tipo di malattia. A casa, è anche necessario attuare alcune misure che ridurranno i sintomi della malattia e ne impediranno l'ulteriore progressione..

Lo standard di trattamento per la cirrosi include il rifiuto delle bevande alcoliche (questo vale non solo per la cirrosi alcolica, ma anche per gli altri suoi tipi), dieta (in questo caso è prescritta la tabella di trattamento n. 5) e farmaci regolari.

Se a una persona è stata diagnosticata la cirrosi virale, gli vengono prescritti farmaci antivirali volti a distruggere il virus nel corpo che distrugge le cellule del fegato. In caso di cirrosi medicinale, sarà necessario interrompere l'assunzione del farmaco che ha attivato il suo sviluppo. Con la forma autoimmune della malattia, vengono prescritti farmaci per sopprimere il sistema immunitario.

Se una corretta alimentazione e farmaci non danno dinamiche positive, quindi in assenza di controindicazioni, viene eseguito un trattamento chirurgico, durante il quale vengono utilizzati sistemi portali: organopessia, legatura dei rami dell'arteria celiaca, anastomosi vascolari portocavali, splenectomia.

Se ti è stata diagnosticata anche la cirrosi, dovresti studiare più in dettaglio le cliniche che trattano questo disturbo. È importante che siano dotati di tutte le attrezzature necessarie e che specialisti altamente qualificati che conoscono la loro attività e aiuteranno a prevenire lo sviluppo di complicanze anche nell'ultima fase della malattia siano coinvolti nel trattamento. Per fare ciò, studia attentamente le recensioni delle cliniche, chatta con le persone che sono state trattate in esse e visita personalmente gli ospedali e incontra i medici. Queste manipolazioni ti aiuteranno a scegliere una clinica in cui sarai sicuramente aiutato.

Ha senso ricorrere all'aiuto della medicina alternativa?

Con un danno epatico cronico, molte persone preferiscono trattare con rimedi popolari. Tuttavia, i metodi di trattamento non convenzionali in questo caso sono inefficaci. Si consiglia di utilizzarli solo per la prevenzione di malattie o complicazioni, poiché agiscono molto lentamente.

Poiché la cirrosi è spesso complicata dall'ascite, in questo caso si consiglia di effettuare una terapia aggiuntiva con erbe che hanno un effetto diuretico e aiutano a rafforzare le pareti vascolari (fiordaliso blu, finocchio, ecc.). Tuttavia, prima di utilizzare un trattamento alternativo, assicurati di consultare il tuo medico. Poiché l'uso improprio delle erbe e la loro interazione con determinati farmaci può portare a un forte deterioramento del benessere e al verificarsi di gravi complicazioni.

Cirrosi epatica: curabile o no? Metodi di trattamento e prognosi

La cirrosi è spesso fatale. C'è una tabella sul sito ufficiale dell'OMS, una versione abbreviata di cui assomiglia a questa:

Tassi di morte standardizzati per cirrosi per 100.000 persone di età superiore ai 15 anni.
Un paeseUominiDonne
Federazione Russa40.318.4
Ucraina5219.8
Stati Uniti d'America19.7dieci
Gran Bretagna14.77.9
Romania51.822.9

Il fegato è una ghiandola della secrezione esterna nel corpo. È un laboratorio chimico che svolge le seguenti funzioni:
Cos'è la cirrosi epatica? Le cifre fanno paura, sorge la domanda: la cirrosi epatica è generalmente curabile? Prima di dare una risposta univoca, è necessario capire cos'è la malattia, come si manifesta e viene trattata.

  • Neutralizzazione di tossine, allergeni, sostanze estranee all'organismo. Riciclandoli in elementi sicuri.
  • Controllo dei livelli ormonali, rimozione delle vitamine in eccesso.
  • Regolazione del metabolismo dei grassi.
  • Stoccaggio di sostanze nutritive, comprese le riserve di sangue.
  • Sintesi di ormoni.

Quando un organo è sovraccarico, esposto a costanti effetti negativi, le sue cellule, gli epatociti, vengono distrutte. Per un po ', lotta con il problema, avvia il processo di rigenerazione. E se in questo momento rimuovi i fattori che provocano la malattia, aderisci a una dieta rigorosa, c'è la possibilità di mantenere la salute per molti anni.

Nello spazio post-sovietico, poche persone fanno regolarmente esami. Non ci sono recettori nel fegato responsabili della sensazione di dolore, quindi una persona potrebbe non essere consapevole dell'inizio dello sviluppo di un processo patologico. La diagnosi viene fatta tardi, quando non può essere curata.

La cirrosi è la sostituzione degli epatociti morti con tessuto fibroso. A poco a poco, la struttura dell'intero organo cambia, cessa di funzionare, il che porta allo sviluppo di complicazioni, alla morte.

Cosa scoprirò? Il contenuto dell'articolo.

Cause della malattia

La cirrosi non è una patologia indipendente, si sviluppa a seguito di un costante effetto negativo sulla ghiandola digestiva.

  • Alcol.
  • Alcuni farmaci. Aspirina, paracetamolo, tetraciclina con abuso, uso frequente, influenzano negativamente l'organo.
  • Epatite virale
  • Consumo incontrollato di cibi grassi. Grave obesità.
  • Insufficienza cardiaca.
  • Malattie dei dotti biliari.
  • Predisposizione genetica.

Per curare la cirrosi, è necessario eliminare la causa del suo sviluppo. Regola la dieta, i farmaci, prendi il controllo delle malattie croniche.

La cirrosi è completamente guarita??

La malattia può essere curata in 2 casi:

  • Diagnosi precoce.
  • Trapianto di organi eseguito.

La possibilità di rilevare la patologia al momento dell'inizio è 1: 1000, perché non ci sono sintomi allarmanti. Nei paesi europei, le persone sono abituate a monitorare la propria salute, quindi la mortalità per cirrosi è inferiore. Questo può essere visto dalla tabella. Per non perdere la malattia, è sufficiente eseguire un esame del sangue biochimico 1-2 volte l'anno e un'analisi per il livello di ALT, AST. La procedura costerà fino a 500 rubli.

Un trapianto di ghiandola aiuterà a curare la cirrosi. Ma oltre al prezzo elevato, alla ricerca di un donatore adatto, potrebbero esserci problemi con controindicazioni alla chirurgia.

Nella fase 2, è importante interrompere il processo di morte delle cellule sane. Il corpo può funzionare. Con una terapia adeguatamente selezionata, seguendo tutte le raccomandazioni, si verifica la remissione. Il termine dipende dallo stile di vita, dall'immunità, dal sesso. A volte una persona vive dimenticandosi del problema per più di 20 anni.

Nella fase 3-4, la malattia non può essere curata. A questo punto, si sviluppano complicazioni, le condizioni del paziente si stanno rapidamente deteriorando. Viene prescritta una terapia palliativa.

Trattamento della cirrosi

Il trattamento è lungo e complesso, significa:

  • Evitare l'alcol.
  • Regime di lavoro risparmiatore.
  • Rispetto della dieta numero 5.
  • Assunzione di epatoprotettori (Karsil, Essentiale, Ursosan).
  • Nomina di diuretici (virospiron, trifas, furosemide). Porta con loro l'asparcam per evitare problemi alle ossa.
  • Antiossidanti per aiutare a rimuovere le tossine dal corpo.
  • Antidolorifici, devi bere nelle ultime fasi.

Un trattamento radicale è il trapianto di fegato. La procedura ha aspetti positivi e negativi..

Un lato:

  • Il 58% dei pazienti vive 15 anni dopo il trapianto;
  • circa 6.000 trapianti vengono eseguiti ogni anno negli Stati Uniti;
  • finora, questo è l'unico modo per credere che la cirrosi sia curabile.
  • il costo dell'operazione raggiunge i 300.000 dollari USA;
  • alto rischio di rigetto;
  • gli organi addominali devono essere sani, altrimenti l'operazione è controindicata.

Gli scienziati stanno sviluppando un fegato bioingegnerizzato. Il primo prototipo è stato inventato da scienziati della Carolina del Nord nel 2010. All'Università Nazionale di Yokohama (Giappone) è stata creata la prima ghiandola digestiva artificiale. Secondo i dati ufficiali, l'inizio delle sperimentazioni cliniche è previsto per il 2019..

Grazie al lavoro degli scienziati, la cirrosi sarà curabile nei prossimi anni. Il compito principale dei pazienti è aspettare questo momento, evitare lo sviluppo di complicanze, rallentare il processo patologico.

Complicazioni della cirrosi epatica

Quando la ghiandola della secrezione esterna smette di funzionare, i problemi iniziano nel corpo:

  • I livelli di tossina raggiungono livelli critici.
  • Si verificano interruzioni ormonali.
  • Il metabolismo dei lipidi è disturbato.
  • La quantità di bilirubina nel sangue aumenta.

Tutto ciò porta allo sviluppo di complicazioni pericolose, difficili da curare, che diventano causa di morte..

Complicazioni della cirrosi

Ittero ostruttivoLa bilirubina non entra nell'intestino, ma circola nel sangue ed è escreta nelle urine. Il pigmento conferisce alla pelle, agli occhi un colore giallo, ha un effetto tossico sul corpo, sul cervello.
Interruzione del sistema nervoso.Si verifica avvelenamento del cervello. Irritabilità, annebbiamento temporaneo della coscienza, emicrania, possono provocare un coma. La patologia può essere curata liberando il corpo dalle tossine.
Indigestione, disturbi intestinali.La mancanza di enzimi digestivi, il passaggio alterato della bile porta a problemi digestivi. All'inizio è nausea, mancanza di appetito. Poi vomito sanguinante, diarrea persistente.
CachessiaL'avversione al cibo, l'indigestione, finisce in estremo esaurimento, con carenza di vitamine, perdita di peso critica.
AsciteIl sangue non viene più filtrato, la maggior parte delle sostanze nocive entra nei reni, che smettono di funzionare normalmente, e compare l'edema. La maggior parte del liquido si accumula nella cavità addominale. Si sviluppa l'idropisia dell'addome.

Previsione

In questa fase, la cirrosi è praticamente incurabile. La prognosi del decorso della malattia è individuale per ogni persona e dipende da molti fattori. Non tutti i dottori osano indovinare quanti anni vivrà un paziente. In forma grave, la presenza di epatite, il periodo non supera i 5 anni.

Molto dipende dal paziente, dal suo umore, dalla voglia di vivere, dall'adempimento delle prescrizioni.

Dalla Siberia sono arrivate notizie gioiose per i pazienti con cirrosi epatica. Scienziati locali hanno sviluppato un nuovo farmaco con il nome di lavoro G5, o "la pillola per l'invecchiamento". Dopo aver condotto studi sui ratti, i ricercatori non hanno potuto aspettare l'inizio delle sperimentazioni cliniche ufficiali, hanno testato il farmaco su se stessi.

Secondo il direttore della società di sviluppo Andrey Bekarev, il farmaco stimola la produzione di cellule staminali da parte del corpo, avvia il processo di auto-guarigione. Se credi alle promesse degli sviluppatori, la cura miracolosa apparirà nelle farmacie tra 2-3 anni. Quindi i medici potranno dichiarare che la cirrosi è curabile.!

Encefalopatia epatica nella cirrosi epatica: sintomi e trattamento

Cirrosi cardiaca del fegato: cause, sintomi, trattamento e prognosi

Cirrosi criptogenetica del fegato: cause, sintomi, trattamento e prognosi

Morte per cirrosi epatica: come accade e sue cause

Cirrosi epatica piccolo-nodulare (micronodulare): sintomi, macropreparazione, trattamento e aspettativa di vita

La cirrosi epatica è curabile

La cirrosi epatica può essere curata? Questa domanda preoccupa coloro che soffrono di una malattia grave e pericolosa per la vita, così come i loro cari. La minaccia di questa malattia è che il suo esordio è asintomatico e può sorgere non solo sullo sfondo di abbondanti effusioni alcoliche. E una persona che conduce una vita normale non sospetta nemmeno che il suo fegato possa presto rifiutarsi di servirlo.

Nella cirrosi, le cellule sane si trasformano in fibrociti che si raccolgono nei noduli del tessuto connettivo. Queste cicatrici premono sui dotti biliari e sui vasi sanguigni. E negli ultimi stadi della malattia, la struttura del fegato cambia, l'organo diventa duro e smette di funzionare.

La malattia è mortale e colpisce sia le donne che gli uomini. Quest'ultimo, tuttavia, tre volte più spesso. È un fatto triste: tra la popolazione matura e robusta di 36-55 anni, la vita di ogni centesimo è trascinata dalla cirrosi. La malattia è più difficile nelle donne e negli anziani: le loro cellule epatiche sono più suscettibili all'influenza di fattori patogeni.

Quanto tempo vivono con questa malattia?

Se consulti un medico in tempo e segui tutte le sue prescrizioni, le moderne tecniche mediche possono fermare i processi distruttivi e massimizzare la vita dei pazienti.

A volte le remissioni durano anni e una persona con cirrosi vive fino alla vecchiaia, fiduciosa che la malattia possa essere curata.

Ma una prognosi favorevole dipende da molti fattori:

  • lo stadio della malattia quando è iniziato il trattamento;
  • la presenza di complicazioni, disturbi concomitanti;
  • cause di cirrosi;
  • l'età e il sesso del paziente;
  • il desiderio del paziente di rispettare le prescrizioni del medico, la dieta appropriata, di rifiutare l'alcol.

Questa malattia ha tre fasi: compensata, subcompensata e scompensata. Nella prima fase è possibile una remissione a lungo termine, si potrebbe dire che il disturbo in questa fase è praticamente curabile: dopo che la distruzione delle cellule si è fermata, il fegato funziona normalmente per anni. Il trattamento in una fase subcompensata è ancora possibile e la maggior parte dei malati vive per più di 5 anni. Ma con l'ultimo grado della malattia, ahimè, le possibilità di una lunga vita sono poche: meno della metà dei pazienti può contare addirittura su tre anni.

I prerequisiti per l'insorgenza della malattia includono non solo l'amore per l'alcol, sebbene questo sia uno dei motivi più comuni.

Inoltre, la cirrosi può essere provocata da:

  • avvelenamento con veleni e prodotti farmaceutici;
  • disordini metabolici;
  • deformazione delle vie biliari;
  • Epatite virale;
  • grave insufficienza cardiaca;
  • malattie ereditarie e autoimmuni.

Le persone con cirrosi causata da fattori autoimmuni e l'uso di alcol (dopo averlo completamente rifiutato) vivono più a lungo. Il peggior risarcimento è il disturbo dell'eziologia virale, soprattutto con la non aderenza alla dieta e l'uso di alcol e droghe.

Dopo aver contattato un istituto medico e confermato la diagnosi, il medico propone quel trattamento per fermare gli effetti distruttivi della malattia, che funzionerà in questa fase.

Il paziente dovrà cambiare completamente il suo stile di vita, prima di tutto rifiutandosi di usare farmaci che agiscono sul fegato, e anche di dire no all'alcol e ad altri doping dannosi.

Inoltre, dovrai:

  1. Per negare l'attività fisica, riposare più spesso, con un duro lavoro, abbandonarla a favore di un'opzione più facile.
  2. Monitorare la qualità delle feci per evitare sia la diarrea che la stitichezza, possibilmente utilizzando farmaci che stimolano la peristalsi.
  3. Controlla il volume dell'addome e, se aumenta, vai immediatamente dal medico per evitare l'accumulo di liquido nel peritoneo. A questo proposito, limitare l'uso di liquidi e sale.
  4. Non bere acqua minerale di sodio.
  5. Ridurre la quantità di proteine ​​animali nel menu, escludere cibi salati, piccanti, grassi, fritti, in salamoia e affumicati. Dovrai anche rinunciare ai prodotti da forno a causa dell'uso di vari lieviti in esso contenuti. Tabella dietetica raccomandata n. 5, dove verdura, frutta e cereali hanno il vantaggio.

Se la malattia è causata da virus dell'epatite, prima di tutto è necessario influenzare i farmaci su di loro. Utilizzato nel trattamento e immunosoppressori, farmaci coleretici, farmaci per la regolazione del metabolismo, ad esempio, essenziale, acido lipoico.

Gli epatoprotettori sono molto importanti, perché supportano le funzioni delle cellule epatiche ancora viventi, impediscono che vengano distrutte. I citostatici bloccano l'aumento delle connessioni nodali e delle cicatrici. Vengono utilizzati anche farmaci antinfiammatori, antiossidanti, vitamine. In presenza di una complicazione, vengono utilizzati agenti ormonali: questo è spesso necessario per la cirrosi nelle donne a causa di irregolarità mestruali.

Sono necessari anche farmaci disintossicanti per eliminare i prodotti di degradazione delle cellule epatiche: acido glutammico e ornicetile.

Emocorrezione extracorporea e trapianto

La tecnica di emocorrezione extracorporea aiuta a purificare il sangue senza stressare il fegato. È necessario nelle ultime fasi della malattia. Ma anche questa tecnologia non sempre risparmia nella fase scompensata. Quindi c'è speranza per un trapianto di un organo malato. Tuttavia, un tale intervento chirurgico è possibile solo in presenza di un fegato donatore. Dovrebbe essere adatto in molti modi e non tutti possono aspettare una cosa del genere. E in questo caso, non esiste una garanzia al cento per cento per il normale funzionamento del nuovo fegato..

La cirrosi epatica viene trattata? La maggior parte dei medici direbbe di no alla completa guarigione..

Ma gli scienziati siberiani non molto tempo fa hanno protestato contro questo dogma, sostenendo l'invenzione di un mezzo per dimostrare che la cirrosi è curabile. Inoltre, secondo le assicurazioni dei creatori, non è solo efficace, ma anche poco costoso..

Si basa su cellule staminali che attivano il processo di rigenerazione del fegato. Diverse dozzine di pazienti l'hanno già sperimentato su se stessi..

Ora il farmaco continua a essere testato clinicamente e si spera che i test non si trascinino e il farmaco salverà molte vite.

I metodi tradizionali aiuteranno a sostenere il fegato malato e ridurre il tasso di distruzione:

  • Succo di barbabietola e succo di crauti. Questi rimedi per la cirrosi sono stati praticati da molto tempo. Dopo che il succo è stato spremuto dalle barbabietole, è necessario attendere che il sedimento si depositi (circa cinque ore). Nel secondo caso, per ottenere un liquido curativo, è necessario fermentare il cavolo senza sale. Bere succhi ogni giorno alternativamente.
  • Seta di mais. Le fibre vengono essiccate e preparate come tè. Devi bere mezzo bicchiere prima dei pasti. Il corso del trattamento - fino a sei mesi.
  • Un cocktail di aglio, olio d'oliva, miele e limone. Due limoni con la buccia, due senza di essa, insieme all'aglio, vengono macinati in un tritacarne. L'impasto viene versato con olio extravergine di oliva. Quindi tutto questo viene aggiunto a un litro di miele liquido. Questa miscela deve essere conservata in frigorifero e presa in un cucchiaio tre volte al giorno prima dei pasti. Prima di utilizzare i rimedi popolari, è imperativo ottenere il permesso di un medico, perché a volte potrebbero non essere combinati con farmaci prescritti.

La cirrosi è insidiosa. Il tempo prezioso, in cui è ancora possibile salvare il fegato, è perso, perché le persone nelle fasi successive della malattia vanno in ospedale.

Per avere il tempo di identificare l'insorgenza di una malattia mortale, devi monitorare attentamente lo stato di salute generale, il tuo e quelli dei tuoi cari. E in caso di spiacevoli deviazioni dalla norma, consultare immediatamente un medico.

  • Cause e sintomi caratteristici della malattia
  • Quali sono i tipi di malattia
  • Diagnosi tempestiva
  • Corretto trattamento della malattia
  • Punti aggiuntivi

La domanda che è stata di recente interesse per molti è se la cirrosi epatica sia curabile o meno. Questa malattia è caratterizzata da cambiamenti nella struttura dell'organo e la causa di questi cambiamenti è la proliferazione del tessuto connettivo. Per rispondere alla domanda se sia possibile curare la cirrosi epatica, cercheremo di capire cos'è la cirrosi epatica e anche di conoscere le cause, i sintomi della malattia.

Cause e sintomi caratteristici della malattia

La cirrosi epatica è una complicanza dopo alcune malattie degli organi. La malattia procede con i seguenti sintomi:

  • c'è una debolezza generale del corpo;
  • il peso corporeo del paziente diminuisce;
  • si osserva prurito;
  • ittero della pelle e del bianco degli occhi;
  • la pancia aumenta di volume.

Gli uomini di mezza età hanno maggiori probabilità di soffrire di questo disturbo. Le persone che conducono uno stile di vita malsano, violano sistematicamente le diete e abusano di alcol sono a rischio..

Torna al sommario

Quali sono i tipi di malattia

Per comprendere appieno se la cirrosi epatica può essere curata, è necessario conoscerne le cause e le varietà.

  1. Alcolico. Si verifica spesso nelle persone che sono dipendenti dall'alcol. Se rifiuti completamente di prendere bevande alcoliche, c'è un miglioramento visibile della salute.
  2. Tipo autoimmune. Si verifica a causa di violazioni del sistema immunitario del corpo umano (uccide le proprie cellule, scambiandole per estranee).
  3. Vista tossica. È una conseguenza dell'avvelenamento del corpo umano con vari farmaci o sostanze tossiche.
  4. La forma della malattia che si sviluppa dopo l'epatite virale trasferita.
  5. Un tipo di disturbo che è apparso a causa di un metabolismo alterato e malattie delle vie biliari.
  6. Cirrosi congestizia. Causato da una ridotta circolazione sanguigna insufficiente nelle malattie cardiache.
  7. Specie criptogenetica. La causa di questa forma della malattia non è stata stabilita..

In base a sintomi clinici, segni e fattori morfologici, la malattia si distingue in:

  • cirrosi piccolo-nodulare. Il tipo più comune di malattia. La causa di questa forma della malattia è la compressione dei rami della vena porta da parte del tessuto connettivo;
  • forma a nodo grande;
  • tipo misto di malattia.

Secondo le caratteristiche cliniche:

  • forma inattiva;
  • forma attiva.

Per la sicurezza della funzionalità dell'organo:

  • compensato;
  • scompensato.

Torna al sommario

Il quadro clinico della malattia è molto vario. Va notato che nelle fasi iniziali, la malattia potrebbe non mostrare sintomi. È per questi motivi che è necessaria la ricerca per fare una diagnosi accurata:

  • chimica del sangue. Alti livelli di enzimi e bilirubina indicano una malattia;
  • biopsia. Con l'aiuto di questa analisi, puoi diagnosticare la malattia nelle prime fasi;
  • Ultrasuoni;
  • Metodi di ricerca con raggi X e radionuclidi;
  • Scansione TC.

Torna al sommario

Corretto trattamento della malattia

La cirrosi epatica viene trattata? È impossibile restituire cellule d'organo sane e normali.

Il trattamento della malattia si basa sui seguenti principi:

  1. Mantenere la capacità funzionale dell'organo.
  2. Elimina i principali sintomi e segni della malattia.

È quasi impossibile curare il fegato dalla cirrosi.

Nelle fasi iniziali dello sviluppo della malattia, l'organo può essere protetto dall'ulteriore progressione della malattia. L'unico metodo radicale per trattare una malattia così difficile è il trapianto di organi..

La cirrosi viene curata? I compiti principali durante il trattamento di questa malattia sono:

  1. Elimina le cause della malattia. Poiché le cause della malattia sono diverse, anche i metodi di trattamento sono diversi. Tra questi: rifiuto dell'alcol, trattamento dell'epatite virale, rifiuto di alcuni farmaci.
  2. Aderire a un regime parsimonioso. Per ridurre l'affaticamento del paziente, è necessario ridurre lo stress fisico sul corpo. Se la malattia progredisce, al paziente viene prescritto il riposo a letto, perché in posizione orizzontale si attivano i processi di rigenerazione e aumenta l'afflusso di sangue al fegato.
  3. Dieta ferrea. Dovresti rifiutare affumicato, salato, alcol, fritto.
  4. Terapia per alleviare i sintomi di intossicazione. Per eliminare la stitichezza e i disturbi dispeptici, vengono prescritti adsorbenti, preparati enzimatici.
  5. Terapia farmacologica. Il medico prescrive i seguenti farmaci:
  • attivare il metabolismo nelle cellule del fegato;
  • stabilizzare le membrane degli epatociti;
  • sostituti del sangue;
  • ormoni glucocorticoidi ormonali.

La cirrosi può essere curata? No. Un trapianto di organi non garantirà al 100% che tutte le funzioni epatiche saranno ripristinate, tuttavia, seguire tutte le raccomandazioni del medico aiuterà a fermare il processo di degenerazione degli organi..

In caso di malattia si consiglia:

  • dieta regolamentata. Il cibo dovrebbe essere ricco di proteine, vitamine, carboidrati;
  • escludere l'alcol;
  • limitare il carico di lavoro;
  • riposare a letto per la giornata per migliorare l'afflusso di sangue al fegato.
  • non raffreddare eccessivamente, non abusare di droghe.

Il medico prescrive la somministrazione di glucosio, vitamine, preparati proteici al paziente.

Torna al sommario

La cirrosi epatica è una seria minaccia per la vita del paziente. Tra le complicazioni della malattia ci sono:

  • sanguinamento dalle vene varicose dell'esofago;
  • sviluppo di peritonite;
  • adesione dell'infezione;
  • coma epatico;
  • sviluppo di tumori degli organi cancerosi.

I principali metodi di prevenzione sono:

  • dieta bilanciata;
  • rifiuto dell'alcol;
  • pieno controllo sanitario e tecnico negli impianti di produzione;
  • trattamento tempestivo dell'epatite cronica e delle malattie degli organi.

Non si dovrebbero prendere alla leggera le malattie del fegato in modo che non si sviluppino in una malattia incurabile. Per qualsiasi segno della malattia, è necessario consultare un medico per evitare gravi complicazioni..

1 voti, in media:

La cirrosi è una malattia epatica cronica. Il consumo eccessivo di bevande alcoliche, gli effetti tossici di veleni industriali e droghe (metotrexato, isoniazide), che si accumulano nel sangue, nel fegato e in altri organi, possono provocare la comparsa di questa malattia. La cirrosi epatica può svilupparsi sullo sfondo di epatite virale, grave insufficienza cardiaca, malattie ereditarie come emocromatosi, distrofia epatocerebrale, galattosemia, glicogenosi, ecc. Nella metà dei casi, la cirrosi epatica è causata da diversi fattori. Di regola, è l'epatite C e l'alcolismo cronico.

Allo stadio attuale di sviluppo della medicina, non è possibile sbarazzarsi di questo disturbo senza intervento chirurgico. La cirrosi può essere completamente curata solo con un'operazione di trapianto di fegato. Questa è una procedura molto costosa, quindi non è disponibile per tutti. Ma il rilevamento e il trattamento della malattia in una fase precoce possono fermare la distruzione dell'organo. Con la cirrosi avanzata, un epatologo può solo alleviare sintomi spiacevoli e rallentare lo sviluppo di complicanze.

Periodicamente sulla stampa compaiono notizie che danno speranza ai pazienti con diagnosi di cirrosi epatica. Nel 2011, gli scienziati siberiani hanno annunciato la creazione di farmaci unici che potrebbero curare questa malattia in futuro. Il medicinale inventato si basa sul meccanismo d'azione della cirrosi epatica sul corpo. In sostanza, questa malattia è un ingrossamento del tessuto epatico, in cui il tessuto cicatriziale in crescita sposta il tessuto sano. Di conseguenza, si verifica un'insufficienza epatica, che porta alla morte. Secondo i ricercatori, il farmaco inventato innesca una reazione inversa nel corpo. Il farmaco è un enzima immobilizzato che stimola i processi di rigenerazione agendo sulle cellule staminali degli organi. Non ci sono ancora analoghi ad esso. Al momento, tutti gli epatoprotettori esistenti sono solo in grado di proteggere le cellule del fegato dal decadimento, ma non di ripristinarle. Il rilascio di questo farmaco dovrebbe iniziare tra 5 anni e solo se i fondi necessari saranno assegnati per ulteriori ricerche..

Il principale pericolo di questa malattia è che si manifesta gradualmente. È abbastanza difficile rilevare i segni di cirrosi senza ricerca nella fase iniziale. Di norma, la diagnosi della malattia si verifica in caso di visita da un medico non correlata alla cirrosi o durante gli esami preventivi. Pertanto, a scopo preventivo, è necessario sottoporsi a una visita medica completa almeno una volta ogni 2 anni..

Per valutare la pericolosità di questa malattia si può citare un solo dato: nella fascia di età di 35 e 55 anni, ogni 100 persone muoiono di cirrosi epatica. Quanto tempo puoi vivere con la cirrosi epatica? Dipende da molti fattori. La mortalità per cirrosi epatica è caratterizzata da tassi piuttosto elevati: il 50% dei pazienti muore entro 5 anni dalla diagnosi. Sebbene la malattia non risponda al trattamento, la prognosi non è sempre infausta. La diagnostica tempestiva aiuta a sospendere i processi distruttivi e il trattamento tempestivo contribuisce al fatto che le cellule assumono le funzioni dei morti. Spesso, la cirrosi epatica è caratterizzata dall'alternanza di periodi di remissione ed esacerbazioni, quando le condizioni del paziente e gli indicatori degli studi clinici e di laboratorio sono significativamente migliorati. In alcuni episodi è stato notato un decorso lento della malattia: cirrosi inattiva, in cui i periodi di remissione possono durare per anni, con rare ricadute dopo il mancato rispetto delle diete, prescrizioni del medico, sullo sfondo di gravi malattie infettive.

L'aspettativa di vita nella cirrosi epatica dipende dai seguenti fattori:

  • la gravità della malattia;
  • la presenza di complicazioni, malattie concomitanti e la loro gravità;
  • cause della malattia;
  • l'età e il sesso del paziente;
  • rispetto rigoroso delle prescrizioni del medico e della dieta, in particolare il rifiuto obbligatorio di alcol.

A seconda della gravità, la cirrosi si divide in compensata, subcompensata e scompensata. Con la cirrosi compensata, le cellule viventi possono ancora sostituire quelle morte. In questa fase, la cirrosi è caratterizzata dall'assenza di qualsiasi manifestazione e circa la metà dei pazienti vive per più di 7 anni. Con il passaggio allo stadio subcompensato, compaiono i primi sintomi: appare una carenza di epatociti sani e inizia il loro esaurimento. L'aspettativa di vita per la cirrosi subcompensata è di circa 5 anni. Nella fase di scompenso compaiono varie complicazioni, le condizioni del paziente peggiorano, solo il 10-40% dei pazienti può vivere per un periodo di 3 anni.

La complicanza più formidabile della cirrosi è l'emorragia interna. Particolarmente pericolosi sono il sanguinamento gastrointestinale e il sanguinamento dalle vene dell'esofago. L'esito letale con tali complicazioni è di circa il 40%. Sono le principali cause di morte nella cirrosi. Con la cirrosi complicata da ascite (idropisia addominale), solo 1/4 dei pazienti vive per più di 3 anni. Anche l'encefalopatia epatica (fallimento) è una prognosi infausta, con una percentuale maggiore di pazienti che muoiono entro 1 anno.

L'aspettativa di vita nella cirrosi dipende anche dalle ragioni del suo verificarsi. I più favorevoli sono i tipi alcolici e biliari (autoimmuni).

Una caratteristica sorprendente della cirrosi alcolica è una dinamica positiva significativa immediatamente dopo il rifiuto di bere bevande alcoliche, l'aspettativa di vita in questo caso è di 7-10 anni o più.

Con la cirrosi autoimmune, i pazienti possono vivere più di 6 anni dalla comparsa dei primi sintomi. La prognosi più sfavorevole è la cirrosi ad eziologia virale, soprattutto in combinazione con l'abuso di alcol o droghe.

La cirrosi è più difficile per gli anziani e le donne. Ciò è dovuto alla maggiore sensibilità degli epatociti agli effetti dannosi dell'alcol etilico. Un ruolo importante nel rallentare i processi distruttivi è svolto dal rigoroso rispetto di tutte le prescrizioni mediche e di una dieta speciale. L'esecuzione di cicli completi di trattamento in ambiente ospedaliero, l'osservazione regolare in una struttura medica aumenta significativamente l'aspettativa di vita.

Il quadro clinico nella cirrosi epatica dipende dal tipo e dallo stadio della malattia. La cirrosi compensata può essere asintomatica e asintomatica e di solito viene rilevata incidentalmente all'esame basato su un ingrossamento del fegato e della milza. Lo stadio scompensato della cirrosi è caratterizzato da una forte diminuzione del peso corporeo, dell'appetito e delle prestazioni, debolezza, insonnia, febbre, flatulenza, odore di fegato dalla bocca, dolori sordi e doloranti al fegato, su tutto l'addome o nella sua parte superiore, aggravati dopo lavoro fisico e / o mangiare cibi grassi, bere molti liquidi.

Compaiono ittero e pigmentazione cutanea associati ad un aumento della deposizione di melanina. I processi itterici sono particolarmente pronunciati, quando il processo di distruzione degli epatociti prevale sulla loro capacità di rigenerarsi. Con l'ittero, si verifica uno scolorimento incompleto delle feci e la bile si forma nel contenuto del duodeno, che provoca la comparsa di prurito. In questi casi, l'esame rivela tracce di graffi sugli arti, sull'addome, sulla parte bassa della schiena, sotto le ascelle e tra le dita..
La cirrosi è caratterizzata da bassa pressione sanguigna, possono verificarsi epistassi ed emorragie cutanee..

La maggior parte dei pazienti ha "stelle" vascolari nella parte superiore del corpo, sul collo, sul viso, sulla schiena, sulla zona delle spalle, sulle mani, sulle mucose del rinofaringe. Con la cirrosi biliare, un sintomo così caratteristico appare come placche bruno-giallastre xantomatose sulle palpebre, sui palmi, sullo sterno, sulla schiena e sulle ginocchia. Gli shunt artero-venosi causano l'eritema (colorazione rosso vivo) dei palmi.
Molti pazienti con cirrosi epatica hanno labbra laccate di rosso, arrossamento della mucosa orale e lingua lampone. Accompagnato da cirrosi epatica e disturbi ormonali: ginecomastia (ingrossamento delle ghiandole mammarie), impotenza e atrofia testicolare negli uomini, amenorrea, ridotta fertilità, sanguinamento uterino nelle donne.

La selezione del metodo di terapia più ottimale per la cirrosi epatica deve essere effettuata dopo un esame completo del paziente e la diagnosi della malattia. È impossibile distruggere completamente le conseguenze di questa malattia, ma è del tutto possibile prevenire un'ulteriore distruzione dell'organo..

Prima di tutto, la terapia per la cirrosi epatica consiste nell'eliminare le cause che hanno provocato la malattia:

  1. La cirrosi alcolica richiede un completo rifiuto del consumo di alcol, così come il ritiro dei suoi prodotti di decadimento dal corpo.
  2. La cirrosi virale suggerisce un trattamento iniziale per l'epatite virale.
  3. Con la cirrosi medicinale, il paziente deve interrompere l'assunzione del farmaco che ha causato la malattia.
  4. In caso di cirrosi autoimmune, è necessario assumere farmaci che sopprimono il sistema immunitario, poiché in questo caso il sistema immunitario considera le cellule del corpo estranee.

Inoltre, il trattamento della cirrosi comporta la stretta aderenza a una dieta appropriata, cioè è necessario abbandonare completamente l'alcol, l'uso di cibi fritti, affumicati, piccanti e grassi. Non mangiare funghi, pomodori, cioccolato e aglio. Oltre alla dieta, al paziente vengono prescritti farmaci appropriati.

Se necessario e in assenza di controindicazioni sotto forma di età avanzata e ittero progressivo, può essere prescritto un intervento chirurgico. In questi casi vengono utilizzate operazioni per decomprimere il sistema portale: anastomosi vascolari portocavali, legatura dei rami dell'arteria celiaca, splenectomia, organopessia.